Romain Bardet ha vinto la quattordicesima tappa della Vuelta 2021. Eiking ha conservato la Maglia Rossa.

PICO VILLUERCAS (SPAGNA) – Romain Bardet ha vinto la quattordicesima tappa della Vuelta 2021. Il francese sul traguardo di Pico Villuercas è riuscito a precedere di 44″ il gruppetto formato da Jesus Herrada e Jay Vine. Il migliore degli italiani è stato Giulio Ciccone (25° a 10’45”) dal vincitore.

La battaglia tra i big, come si poteva prevedere c’è stata e l’unico a guadagnare quattro secondi è stato Miguel Angel Lopez (16° a 10’25”). Arrivati tutti insieme, invece, Bernal, Haig, Mas e Roglic. Qualche problema in più, come era pronosticabile, per Odd Eiking, che è arrivato al traguardo 30esimo con 10’49” dal vincitore.

Le classifiche

Come detto, Odd Eiking è riuscito a conservare la Maglia Rossa. Ora sono 54 i secondi di vantaggio su Guillaume Martin e 1’36” su Primoz Roglic. Il migliore degli italiani è Giulio Ciccone (12° a 6’16”).

Di seguito i leader delle classifiche della Vuelta:

Maglia Rossa: Odd Christian Eiking (Intermarche-Wanty-Gobert-Materiaux)
Maglia Verde: Fabio Jakobsen (Deceuninck-Quick-Step)
Maglia a Pois: Romain Bardet (Team DSM)
Maglia Bianca: Egan Arley Bernal (Ineos Granadiers)

La quindicesima tappa

Si sale ancora alla Vuelta. La quindicesima tappa ha in programma 197,5 chilometri da Navalmoral de la Mata a El Barraco. Una frazione sicuramente molto impegnativa considerano due GPM di prima categoria, uno di seconda e uno di terza.

Un percorso che potrebbe vedere due tappe in una. Da una parte i fuggitivi alla ricerca di una nuova vittoria, dall’altra i big della Generale pronti a darsi battaglia per la Maglia Rossa. Ci aspettiamo quindi un nuovo duello tra i cinque più forti, con Eiking che molto probabilmente sarà chiamato a difendersi. Ed è alto il rischio di perdere il simbolo della leadership in questa frazione.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/lavuelta


Paralimpiadi, oro per Bebe Vio nel fioretto: “Medaglia che vale molto. Ho rischiato di morire”

Autodromo di Monza, intitolata a Michele Alboreto la curva parabolica