Il vulcano Cumbre Vieja si è risvegliato. Centinaia di persone sono state evacuate da La Palma. Situazione, al momento, sotto controllo.

LA PALMA (SPAGNA) – Le Canarie in allarme dopo l’eruzione del vulcano Cumbre Vieja. Nei giorni scorsi erano stati registrati i primi segnali di risveglio, ma nel pomeriggio di domenica 19 settembre è iniziata la fuoriuscita di magma, con la lava che in poco tempo ha raggiunto le case ai piedi del monte. Sono circa 300 le persone costrette ad abbandonare le proprie abitazioni per precauzione.

Il governatore ha proclamato lo stato di emergenza e tutti i voli sono stati dirottati su altri scali. La situazione, al momento, resta sotto controllo con gli esperti che stanno verificando meglio l’attività del vulcano per capire quando le famiglie possono ritornare nelle proprie abitazioni.

Il premier Sanchez a La Palma

Anche il premier Sanchez a La Palma per verificare meglio la situazione. Il presidente del Consiglio, come riportato dal Corriere della Sera, era atteso a New York per una riunione dell’Onu, ma quanto successo lo ha portato a disdire l’appuntamento americano e volare alle Canarie per valutare l’accaduto e intervenire come governo.

Il governo potrebbe decidere di mettere in campo dei fondi per aiutare la zona sicuramente messa in difficoltà dall’eruzione del vulcano.

Vigili del fuoco
Vigili del fuoco

La prima eruzione del nuovo millennio

Si tratta di un episodio che in questo nuovo millennio non era mai successo. L’ultima eruzione a La Palma era avvenuta nel 1971. In quel caso a riprendere la propria attività era il Teneguia dopo oltre tre secoli di calma. Colate durate ben tre settimane e non si esclude la possibilità di un tempo simile anche per il Cumbre Vieja.

Sicuramente nei prossimi giorni si avranno delle risposte più certe, ma le Canarie sono alle prese con una nuova eruzione di un vulcano.

ultimo aggiornamento: 19-09-2021


Maltempo in Italia, bomba d’acqua a Varese. Tromba d’aria nel Modenese

L’efficacia di Pfizer aumenta con la terza dose