Riforma Fiscale 2024: maggiori fringe benefit per famiglie
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Welfare 2024: fringe benefit fino a 2.000€ per lavoratori con figli

mani unite

La riforma welfare che va incontro alle esigenze delle famiglie italiane.

Nel contesto di una riforma mirata alla riduzione del cuneo fiscale, emerge una delle novità più attese dai lavoratori italiani: l’incremento dei fringe benefit, una misura che promette di fornire un sostegno concreto al reddito dei lavoratori dipendenti, con particolare attenzione per coloro che hanno figli a carico. Questa riforma, inserita nel disegno di legge di Bilancio per il 2024, punta a ridisegnare i contorni dell’esenzione fiscale su beni e servizi concessi dai datori di lavoro, andando incontro alle esigenze delle famiglie italiane.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Un incremento significativo

La riforma porta con sé un significativo incremento del limite di esenzione per i fringe benefit, passando dagli attuali 258,23 euro a 1.000 euro per tutti i lavoratori. Un balzo ancora più rilevante è previsto per i lavoratori con figli fiscalmente a carico, per i quali il limite di esenzione raggiungerà i 2.000 euro. Questa misura, destinata a diventare strutturale, segna un cambio di passo rispetto al passato, offrendo un vantaggio concreto a migliaia di lavoratori.

sagome in carta di una famiglia e una casa
sagome in carta di una famiglia e una casa

Nuovi orizzonti per i fringe benefit

Al di là dell’aumento quantitativo, la novità più interessante della riforma riguarderà l’ampliamento delle categorie di beni e servizi che rientrano nel nuovo limite di esenzione. Tra questi, spiccano il pagamento dell’affitto o del mutuo sulla prima casa, oltre al mantenimento dell’esenzione per le utenze domestiche fondamentali, come il servizio idrico, l’energia elettrica e il gas naturale. Questo ampliamento rappresenta un passo importante verso un concepimento dei fringe benefit che vada oltre la semplice erogazione di bonus occasionali, per trasformarsi in un supporto costante alle spese più rilevanti della vita quotidiana.

Chi ne beneficerà

I diretti beneficiari dell’incremento saranno tutti i lavoratori subordinati, con un’attenzione particolare per chi sostiene il peso economico di figli a carico. Per accedere al bonus potenziato, il lavoratore dovrà dichiarare il proprio diritto al datore di lavoro, fornendo il codice fiscale dei figli fiscalmente a carico. Questo sistema mira a rendere l’accesso alla misura il più semplice e diretto possibile, garantendo contemporaneamente la massima trasparenza.

Cosa entra nel conto e cosa no

Per non superare il limite di esenzione, sarà fondamentale tenere conto di quali beni e servizi sono inclusi e quali esclusi. Nel primo gruppo rientrano: buoni spesa, buoni benzina, ricariche telefoniche, buoni acquisto per piattaforme online, regali natalizi, e naturalmente il pagamento dell’affitto o del mutuo per la prima casa. Al contrario, restano fuori dall’incremento esenzionale prestazioni finalizzate al benessere sociale più ampio, contributi alla previdenza complementare, e servizi legati all’istruzione o all’assistenza familiare, tra gli altri.

Modalità e tempi di erogazione

Per garantire l’applicazione corretta della riforma, è cruciale rispettare i tempi di erogazione delle somme o delle prestazioni. I benefici concessi come fringe benefit dovranno essere resi disponibili entro il 12 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, seguendo il principio di cassa allargato. Questo permetterà ai lavoratori di godere dei vantaggi fiscali previsti dalla riforma senza incorrere in penalizzazioni.

Verso una nuova cultura del benefit

L’iniziativa del Governo segna un passo importante verso una cultura dei benefit aziendali più matura e strutturata, in linea con le esigenze di lavoratori e famiglie. Se da un lato l’incremento dei limiti di esenzione rappresenta un vantaggio economico immediato per i lavoratori, dall’altro introduce un modello di welfare aziendale orientato al sostegno delle esigenze essenziali, promuovendo una visione del lavoro che tenga conto dell’equilibrio tra vita professionale e personale.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 16 Maggio 2024 17:33

Istruzione: ecco come recuperare gli anni scolastici oggi

nl pixel