Welfare sanitario, Ist. Leoni: Il ruolo del privato è ormai imprescindibile

Lo Stato in futuro arriverà sempre meno a coprire il servizio universalistico

“Il ruolo del privato è un ruolo imprescindibile ormai perchè il sistema pubblico per la situazione finanziaria dello Stato e per la situazione demografica della popolazione residente in Italia non arriva già più e in futuro arriverà sempre meno a coprire il servizio universalistico, sia per quanto riguarda le esigenze di cura delle persone sia per quanto riguarda le esigenze di assistenza, ad esempio domiciliare agli anziani o ai malati cronici o ai disabili”. Lo afferma Serena Sileoni, vicedirettore dell’istituto Bruno Leoni, in occasione dell’iniziativa di confronto promossa dal Gruppo Unipol per riflettere su due studi relativi alle opportunità di integrazione del welfare pubblico e privato.

“Questo vuol dire – spiega Sileoni – che mano a mano si dovrà andare ad un sistema in cui lo Stato ha il ruolo di gestore e garante dell’universalità di base e dei servizi e invece non solo al terzo settore, ma anche al secondo, cioè a chi fa profitto imprenditorialmente si ricorrerà per avere quelle prestazioni sanitarie e socio-assistenziali che un tempo si pensava potessero essere svolte soltanto dallo Stato ma che poi così sfortunatamente non si è rivelato”.

 

Fonte: askanews