WhatsApp e l'interoperabilità, la svolta: cosa cambia
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

WhatsApp e l’interoperabilità, la svolta: cosa cambia

WhatsApp e l’interoperabilità, la svolta: cosa cambia

Arriva la svolta per WhatsApp, a lavoro sull’interoperabilità. Cosa cambierà nei prossimi aggiornamenti dell’app di Meta.

Novità in arrivo per miliardi di utenti che usano WhatsApp. Nei prossimi aggiornamenti, l’app di Meta permetterà di ricevere messaggi anche da altre piattaforme, come ha imposto l’Ue con il Dma. La svolta sull’interoperabilità è alle porte.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

telefono whatsapp

WhatsApp e interoperabilità: cosa cambia

In arrivo una importantissima novità per tantissimi utenti che utilizzano WhatsApp. La svolta sarebbe epocale e permetterebbe alle persone di poter comunicare con chiunque, senza più barriere. In questo senso si parla di interoperabilità.

I prossimi aggiornamenti dell’app di Meta dovrebbero quindi permettere di ricevere messaggi anche da altre piattaforme, esattamente come ha richiesto l’Ue con il Dma.

Come viene sottolineato dal Corriere della Sera, Meta è stata designata come una delle 6 aziende gatekeeper, ovvero influenti società tech con milioni di utenti, secondo quanto prescrive il Digital Markets Act (Dma). WhatsApp è una di quelle app su cui Meta dovrà intervenire presto visto che il Dma sarà in vigore a partire dal 7 marzo 2024.

In sintesi, l’Europa ha chiesto di aprire la piattaforma consentendo di poter ricevere e inviare messaggi da altre app. Il tutto, ovviamente, senza compromettere la privacy e la sicurezza degli utenti, attraverso la crittografia end-to-end. Proprio questo passaggio è quello più delicato e che richiede maggiore tempo.

I motivi della svolta

Secondo quanto si apprende, la svolta per WhatsApp parte dell’idea che un utente non dovrebbe aver bisogno di conoscere quale sia l’applicazione utilizzata da amici, parenti o componenti della famiglia per potersi mettere in contatto con loro.

In questo senso si sta studiando un protocollo unico, come, per altro, accade per la posta elettronica. Tra gli altri dettagli importanti in merito a questa interoperabilità è che lo scambio di messaggi e contenuti tra app diverse dovrebbe essere consentito senza averle scaricate entrambe. 

Ulteriori dettagli dovrebbe essere svelati a breve, entro la Primavera.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 9 Febbraio 2024 10:29

Giorgia Meloni furiosa: la confidenza sulla “follia” vista a Sanremo

nl pixel