È morto suicida a trentotto anni il calciatore Williams Martinez: nel corso della sua carriera ha giocato anche in Europa.

Il mondo del calcio piange la drammatica scomparsa di Williams Martinez, morto suicida all’età di trentotto anni. Il calciatore, di ruolo difensore, militava nel Villa Teresa, squadra della seconda divisione del campionato uruguaiano. Nel corso della sua lunga carriera Martinez ha giocato anche in Europa: in Premier League ha vestito la maglia del West Bromwich Albion, mentre in Francia ha giocato con il Reims e il Valenciennes.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Morto suicida Williams Martinez

Stando a quanto riferito da Olé, il trentottenne si è tolto la vita. Non sono noti però i dettagli sulle cause del decesso. Il calciatore classe 1982 era risultato positivo al test per la ricerca del nuovo coronavirus nella giornata del 23 giugno. Dopo la positività Martinez era stato costretto ad allontanarsi dai campi.

Il cordoglio

In pochi minuti, esponenti di spicco del calcio sudamericano hanno voluto ricordare l’ex calciatore. Con un comunicato ufficiale la CONMEBOL rende noto il proprio rammarico “per la perdita del giocatore” ed esprime “le più sentite condoglianze” alla famiglia e agli amici del trentottenne.

Sospese le partite dell’undicesima giornata del Torneo di Apertura

La Federcalcio uruguaiana ha disposto la sospensione delle partite dell’undicesima giornata del Torneo di Apertura. La richiesta era arrivata dall’Associazione dei Calciatori Professionisti, che avevano chiesto la sospensione delle attività per una giornata.

In conformità con la delibera del MUFP, che richiede la sospensione del resto della giornata a seguito della morte del giocatore Williams Martinez, il Consiglio Direttivo delibera di sospendere le partite dell’undicesimo turno di Apertura“, si legge nella nota.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 19-07-2021


Olimpiadi, positivo giornalista italiano. Era in aereo con la squadra di basket e altri atleti

Aifa, casi di miocardite e pericardite con vaccini a mRNA. I soggetti a rischio e i sintomi