Granit Xhaka, centrocampista dell’Arsenal, pubblica un post che sembra ancora una volta polemico verso il club: a gennaio il Milan tenterà l’assalto

Granit Xhaka, da ormai un mese, è separato in casa all’Arsenal. L’ex capitano ha finito per pagare a carissimo prezzo il gestaccio rivolto ai tifosi durante una sostituzione subita alla fine della gara contro il Crystal Palace (derby londinese finito 2-2). Da allora il centrocampista svizzero non ha più visto il campo con i Gunners, rifiutando la proposta dell’allenatore Emery di chiedere pubblicamente scusa ai supporter. L’epurazione per lui sembra vicina. A gennaio, quindi, l’atleta elvetico potrebbe lasciare l’Inghilterra: il Milan, alla ricerca di un calciatore di peso ed esperienza in quel ruolo, potrebbe pensare proprio a lui.

Xhaka e il post polemico verso l’Arsenal su Instagram: il Milan si avvicina?

L’ultimo capitolo delle “storie tese” tra Arsenal e Xhaka risale a due giorni fa, dopo la vittoria della Svizzera 6-1 su Gibilterra nella gara valida per le qualificazioni a Euro 2020. Il giocatore, autore del sesto gol dei suoi, ha pubblicato su Instagram un post dai toni altamente polemici.

L’ obiettivo del Milan pare prendersela indirettamente (ma non troppo) con l’Arsenal quando afferma: «La felicità è quando sei soddisfatto di te stesso e non hai bisogno della conferma degli altri». Sembra l’ulteriore conferma di come il capitolo londinese della sua carriera stia ormai per tramontare in maniera definitiva.

Milan, ma non solo: ecco a chi piace lo svizzero

Classe 1992, all’Arsenal dal 2016, Granit Xhaka è seguito in Italia da Inter e Milan. I rossoneri stanno pensando a lui come rinforzo ideale per un centrocampo che ha bisogno di muscoli, fosforo e buona esperienza a livello internazionale. In Inghilterra, invece, si registra il timide interesse da parte del Newcastle.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio Granit Xhaka mercato milan xhaka

ultimo aggiornamento: 20-11-2019


Milan, contro il Napoli chance importante per Lucas Biglia

Milan, Camavinga è un sogno difficile da raggiungere