Cina, Xi Jinping riforma la costituzione: fine del limite di mandato

L’Assemblea del Popolo riunita a Pechino ha votato a favore del superamento del limite dei due mandati. Xi Jinping rafforza e accentra i suoi poteri oltre il 2023.

PECHINO – Xi Jinping è sempre più padrone della Cina. L’Assemblea del Popolo del Partito Comunista ha approvato con 2.958 sì, due contrari e tre astenuti la modifica alla Costituzione che toglie il limite dei due mandati presidenziali. L’attuale leader del Pcc ha così la possibilità di guidare la Cina oltre il 2023. Nell’ultimo congresso del partito, il 65enne è stato riconfermato alla guida del Pcc e dello Stato e le sue tesi sono state inserite nella Costituzione.

La riforma della Costituzione, che toglie il limite dei due mandati presidenziali, spianandogli di fatto la strada per restare al potere oltre il 2023, è stata approvata dall’Assemblea nazionale del Popolo cinese con una maggioranza senza precedenti. Anche per questa specie di Parlamento, la cui funzione in realtà è solo prendere atto delle scelte del Partito: la precedente riforma della Costituzione, nel 2004, aveva visto comunque 10 voti contro e 17 astenuti.

viaggio a pechino
Fonte immagine: https://pixabay.com/it/pechino-cina-strada-pioggia-2044138/

La vita del leader cinese

Nato a Pechino nel 1953, Xi Jinping è figlio del veterano rivoluzionario Xi Zhongxun, uno dei padri fondatori del Partito comunista ed ex vice-premier. Nel 1962 però Zhongxun viene imprigionato. Xi, appena 15enne, affronta un percorso di “ri-educazione”; poi diventa membro attivo del Partito comunista cinese da giovanissimo e si laurea in Ingegneria chimica. Ricopre vari incarichi dirigenziali in diverse province fino a diventare, nel 1999 e dopo un anno come vice, governatore del Fujian.

Nel 2002 viene eletto membro del Comitato Centrale. Nel 2007 viene eletto membro del Comitato permanente dell’ufficio politico e nominato segretario del Partito. Nel 2008 è vicepresidente della Repubblica popolare cinese, mentre nel 2012 nuovo segretario del Partito comunista cinese e capo della Commissione militare centrale. Nel marzo 2013, infine, Xi Jinping subentra a Hu Jintao nella carica di presidente.

Questo il video con la notizia riportata dalla CNN:

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 12-03-2018

Fabio Acri

X