Xiaomi escluso dal mercato Usa. E’ questa l’ultima mossa decisa da Donald Trump prima di lasciare la Casa Bianca.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Xiaomi escluso dal mercato Usa. A meno di una settimana dall’insediamento di Joe Biden, il presidente uscente Donald Trump ha deciso di chiudere la sua esperienza con una mossa a sorpresa: lista nera per la compagnia telefonica cinese.

Una scelta che conferma un rapporto non semplice tra Stati Uniti e Cina. L’ex tycoon, dopo aver escluso Huawei, ha deciso di bandire anche Xiaomi. Una lista nera che potrebbe durare solo qualche giorno. Possibile un comportamento diverso da Joe Biden e un reintegro nel mercato americano.

Crolla il titolo in Borsa

La decisione di Donald Trump ha fatto crollare il titolo della casa cinese. A Hong Kong l’indice ha perso oltre l’11%. E il rosso potrebbe continuare anche nei prossimi giorni.

La speranza della multinazionale è di riuscire a rientrare in poco tempo nel mercato cinese per iniziare a recuperare parte quanto lasciato per strada con la scelta del presidente americano uscente. Non è la prima volta che Donald Trump decide di usare il pugno duro contro società cinesi. Prima di Xiaomi era toccato a Huawei e a Tik Tok. Una guerra commerciale che ha portato a perdite importanti per entrambi i Paesi.

Donald Trump
Donald Trump

La replica di Xiaomi

Come riportato da Forbes, alla decisione di Trump è arrivata la replica di Xiaomi con una nota: “Confermiamo di non essere di proprietà, controllata o affiliata con l’esercito cinese e di non essere una compagnia militare cinese comunista“.

Nelle prossime ore saranno decise tutte le mosse da fare per difendere gli interessi dell’azienda e dei suoi azionisti. Una guerra legale che potrebbe trovare la parola fine con l’arrivo alla Casa Bianca di Joe Biden. Insediamento previsto per il 20 gennaio.


Jeff Bezos scommette sullo sport: vuole Serie A e Formula 1 su Prime Video

Decreto Ristori, dieci miliardi per le partite Iva. Prorogata la Cig Covid