Yamaha YZF-R1: il futuro è già qui

La varietà di dispositivi per la gestione elettronica della moto produce una massa di dati impressionante. La strumentazione per interpretarli è completamente digitale.

Yamaha ha sviluppato una nuova interfaccia pilota-moto che comunica le informazioni in modo chiaro ed intuitivo. Lo schermo rettangolare è largo 109 mm, ed il display LCD è realizzato con la tecnologia che riduce al minimo i riflessi per una visibilità ottimale.

Per ottenere la migliore definizione possibile i “punti” della matrice LCD sono molto piccoli, e rendono incisivi e di lettura immediata i grafici a barre di contagiri, indicatore di accelerazione e pressione dei freni. La strumentazione può essere settata nella modalità “Street” o “Track”, e si può scegliere un fondo bianco o nero, secondo le circostanze. In più, c’è un sensore per l’intensità della luce ambiente che regola automaticamente il livello della retroilluminazione per adattarsi alla situazione.

Modalità “Street”

Sul display appaiono indicazioni come la marcia inserita, mentre il contagiri usa barre di diverso colore all’aumentare del numero di giri, per una comprensione immediata. Altre indicazioni in questa modalità sono contachilometri parziali e totali, consumo in tempo reale, consumo medio e totale e quantità di carburante consumato. Le icone sulle parte superiore e inferiore del display mostrano l’attivazione o meno di TCS e SCS, e quale modalità “Power mode” è stata selezionata.

Modalità “Track”

Il display mostra informazioni specifiche con una leggibilità ottima, tra le qual il numero dei giri, i tempi sul giro e il cronometro. Il contagiri parte da 8.000 g/min ed arriva sino alla zona rossa, e l’indicatore di marcia inserita ha una posizione di rilievo, sulla destra del display. E per facilitare le analisi post gara, ogni display ha una funzione di memoria che consente l’analisi giro per giro.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 19-01-2015

Enzo Caniatti

X