Zoff: “Donnarumma ha perso serenità. Gli consiglio di restare al Milan”

L’ex portierone della Juventus ha parlato della situazione relativa al rinnovo di Gigio.

chiudi

Caricamento Player...

Zoff Donnarumma – “Quel ragazzino non è più sereno, si vede lontano un chilometro“. Così esordisce sulle colonne del Corriere della Sera Dino Zoff, ex portiere, tra le altre, della Juventus, parlando di Gigio Donnarumma. Zoff, da leggenda dei guantoni, ha espresso un commento sulla situazione del giovanissimo collega: “Credo si sia ficcato in un guaio più grande di lui, guardate cosa ha combinato all’Europeo. Ma purtroppo me l’aspettavo: dopo un polverone del genere sarei stato agitato io a quarantanni, figuratevi lui che ne ha diciotto. A qeull’età dovrebbe pensare solo a giocare, a crescere, a parare. Un giudizio sul suo Europeo? Ne ha prese proprio poche. È bravo, molto, ho detto più volte che ha davanti un futuro radioso, ma tutto dipende da lui. All’Europeo non stava bene, aveva la testa altrove, non credo serva aver fatto il portiere per capire che non aveva la reattività solita. Ma era normale andasse così“.

Zoff Donnarumma: “Deve restare al Milan

L’ex ct della Nazionale ha quindi rivolto un consiglio a cuore aperto al portiere stabiese: “Deve restare al Milan. Rimanere dove è cresciuto è la soluzione giusta, è l’unica cosa che può fare per rimettersi in carreggiata, per riprendere il percorso di maturazione. Tutti noi abbiamo il nostro futuro nelle mani, lui ancora di più. Deve capire che ha tutta la vita per andare a giocare al Real Madrid, al Barcellona, alla Juve o dove vuole lui. Ha i mezzi, il carattere, soprattutto l’età. È proprio questo il nodo di tutto, lui deve capire che il fatto di avere diciotto anni è la sua vera fortuna, la sua dote più importante: avere qeull’età gli permette di non dover avere fretta di niente. A venticinque o trent’anni a volte sei costretto a scelte forzate, diciamo interessate, perché devi calcolare i tempi di carriera. Ma lui è un ragazzino, non deve pensare ai soldi. Rispetto ai mieti tempi oggi tutto ha assunto dimensioni assurde. Mi chiedo se questo sistema sarà sostenibile a lungo. Ho i miei dubbi“.