Quali sono le regole in zona Arancione rafforzata (o scuro), la nuova area di rischio che sta prendendo piede in Italia.

In Italia si parla con sempre maggior insistenza della zona Arancione rafforzata già entrata in vigore in diversi Comuni per fronteggiare la diffusione delle varianti. Ma quali sono le regole di questa area che rappresenta una via di mezzo tra la zona arancio e la zona rossa?

Le regole della zona Arancione rafforzata

Le regole di base della zona rafforzata sono evidentemente ed ovviamente quelle della fascia intermedia di rischio.

È possibile spostarsi liberamente all’interno del proprio Comune ma non è possibile spostarsi dallo stesso se non per motivi di necessità, lavoro o salute.

Bar e ristoranti sono chiusi tutto il giorno. Resta consentito l’asporto e il servizio di consegna a domicilio.

I negozi sono aperti, quindi è possibile uscire per andare a fare acquisti. I centri commerciali abbassano la serranda nei giorni festivi e prefestivi.

Come in tutta Italia vale il coprifuoco, quindi sono vietati gli spostamenti dalle 22.00 fino alle ore 5 del mattino seguente.

Rispetto alla quella tradizionale, nella zona Arancione rafforzata sono chiuse le scuole. Tutti i bambini dai tre anni in su restano a casa e laddove possibile seguiranno le lezioni attraverso la Didattica a distanza.

In zona Arancione rafforzata (o scuro) non è possibile spostarsi fuori dal Comune per raggiungere la seconda casa.

Coronavirus
Coronavirus

Emergenza coronavirus, Speranza: “Massima prudenza”

Il ministro della Salute Roberto Speranza, in occasione del suo intervento alla Camera e al Senato, ha fatto sapere che al momento la situazione epidemiologica non consente un allentamento delle misure restrittive che quindi, con ogni probabilità, saranno prorogate anche dopo il 5 marzo, data di scadenza del dpcm attualmente in vigore.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 04-03-2021


Insulti a Liliana Segre per il vaccino, si indaga per odio razziale. Individuate due persone

Operazione contro il caporalato, nove arresti a Reggio Calabria