La Fiat 500 Giardiniera: ecco tutto quello che c’è da sapere sulla station wagon e furgoncino diventato negli anni ’60 un vero e proprio mito.

Siamo ormai abituati nelle nostre città a vedere girare station wagon e furgoncini di varie dimensioni, se questo non ci sorprende è perché dagli anni ’60 in poi questo è diventato un mezzo sempre più comune e utilizzato. E proprio negli anni ’60 vedeva la luce un’auto che è diventata un vero e proprio mito: parliamo della Fiat 500 Giardiniera. La 500 è una delle auto iconiche di casa Fiat e, nel tempo, proprio questo nome ha fatto diventare un vero e proprio mito il modello Giardiniera, nonostante inizialmente non avesse avuto chissà quale successo.

500 Giardiniera: dalla Fiat all’Autobianchi

La 500 Giardiniera è nata nel 1960, il nome deriva dalla vecchia Topolino Giardiniera Belvedere che tanto successo ha avuto. La 500 Giardiniera della Fiat è uscita in due versioni: quella station wagon e quella commerciale, quest’ultimo che era stata denominata anche Furgoncino.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Fiat 500
Fiat 500

Nel 1968 la Giardiniera ha assunto il marchio Autobianchi e continuò a essere prodotta, con alcune modifiche, fino al 1977. A raccogliere l’eredità di questa automobile è stata sostituita da un’altra auto che ha fatto la storia della Fiat (e la sta facendo ancora adesso): la Panda.

500 Giardiniera: il motore

La 500 Giardiniera del 1960 poteva raggiungere la velocità di 95 km/h, merito del propulsore che eroga 17,5 cv. La cilindrata era la stessa del motore della 500 Sport.

Per gli anni ’60 l’auto aveva dimensioni molto grandi: la lunghezza era di 3 metri e 185 centimetri, sia la larghezza che l’altezza erano invece 1 metro e 320 centimetri.

500 Giardiniera: il prezzo

Quando è stata messa in vendita, la 500 Giardiniera aveva un prezzo di 565.000 lire. Oggi l’auto è cercata soprattutto dai collezionisti e la si già trovare in vendita con prezzi che vanno dai 4.000 euro agli 80.000 euro: molto dipende ovviamente dalle condizioni dell’auto e dagli equipaggiamenti.

Certo è che è un’automobile che porta bene i suoi anni, emblematico è il caso della Fiat 500 Giardiniera che il signor Emilio Zumerle aveva acquistato nel 1967 e che ha continuato a utilizzare fino a poco prima della sua morte, avvenuta nel 2016 all’età di 104 (che gli hanno permesso di diventare il guidatore più anziano d’Europa visto che, proprio nel 2016, rinnovò la patente). La sua storica Fiat Giardiniera verrà esposta al museo multidimediale Dante Giacosa.


Formula 1, Leclerc: “Andremo meglio di Spa”. Hamilton sfida i tifosi di Verstappen: “Fischiatemi pure”

Dai parcheggi all’Ecobonus, cosa prevede il decreto Infrastrutture