A breve, oltre all’obbligo delle mascherine, decadrà anche quello di quarantena nel caso di infetti positivi.

Si prospetta l’abolizione della quarantena per quanto riguarda i casi di positivi da Covid. La prassi però, non è ancora resa effettiva, a causa del nuovo aumento dei contagi e di quelli previsti per la stagione estiva. L’idea è quella di prendere esempio dalla Repubblica Elvetica: “Chi è positivo resta isolato una settimana, poi è libero di uscire senza un ulteriore test”.

Ancora non sappiamo quando verrà abolito definitivamente il periodo di quarantena in seguito al contagio da Covid. Gianni Rezza, direttore del dipartimento prevenzione al Ministero della Salute, ha dichiarato che “si andrà verso una politica di responsabilizzazione rispetto al virus. Prima di tutto superando l’obbligo di isolamento dei contagiati”.

Sul discorso di Gianni Rezza, l’infettivologo Matteo Bassetti ha dichiarato: “L’isolamento dei positivi aveva senso quando eravamo sensibili al virus. Oggi tra vaccinati, guariti e protetti, abbiamo raggiunto il 100% della popolazione. Mantenendo l’isolamento creiamo un doppio binario: chi fa il tampone da solo a casa non comunica il risultato, mentre chi lo fa in ospedale si deve isolare“.

La chiave per risolvere il problema è il compromesso. Carlo La Vecchia, epidemiologo dell’università di Milano ha dichiarato: “La soluzione svizzera è intelligente. Chi è positivo resta isolato una settimana, poi è libero di uscire senza un ulteriore tampone. La contagiosità è massima a partire dal giorno precedente alla comparsa dei sintomi, si mantiene alta qualche giorno, poi cala”.

Coronavirus Covid

Anche Giovanni Di Perri, primario di infettivologia all’Amedeo Savoia di Torino è dello stesso avviso: “Nei primi 3 giorni di malattia, quando la contagiosità è più alta, non è possibile uscire. Dopo, l’isolamento può essere allentato, a meno che non si sia a contatto con persone fragili. Prima, dichiarare il contagio equivaleva a ricevere una dose di vaccino, ai fini del Green Pass. Ora, scomparso l’obbligo del certificato, l’interesse a dichiararsi positivi non c’è più”.

Costa interviene: “D’altronde l’obiettivo è quello della convivenza con il virus e se parliamo di convivenza non possiamo che rimuovere anche l’isolamento per i positivi. Confido che nelle prossime settimane si arrivi anche a questa scelta, che sarebbe un ulteriore passo verso la normalità“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-06-2022


Ucraina, la candidatura Ue fa infuriare i Balcani

Progettavano un attentato in Italia: due giovani indagati