Un altro incidente sul lavoro: operaio filippino di 41 anni colpito dal gancio di una gru, muore finendo in mare.

L’ennesimo incidente sul lavoro che vede vittima un operaio, questa volta nell’area portuale di Ortona, a Chieti. Il 41enne stava lavorando sul ponte della piattaforma Micoperi quando è stato colpito fatalmente dal gancio di una gru che lo ha fatto finire in mare. I soccorsi non sono riusciti a salvare l’uomo, ma le ricerche per comprendere le dinamiche continuano.

Mose Venezia
Mose Venezia

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il dramma

Accade intorno alle 10:00 nell’area portuale di Ortona, a Chieti. Un operaio filippino di 41 anni è morto dopo essere stato colpito da un gancio metallico di una gru che lo ha scaraventato in mare. L’incidente ha provocato sull’uomo delle lesioni irreversibili.

Al momento dell’accaduto, il 41enne stava lavorando su una nave appoggio della Micoperi. Ma questa mattina la sua giornata lavorativa è terminata in tragedia. L’eliambulanza del 118 lo ha trasportato all’Ospedale di Pescara, ma appena arrivato al Pronto Soccorso l’uomo è deceduto. In corso le indagini sul caso da parte della Capitaneria di Porto. Secondo i dati Inail, nel 2021 le morti accertate sul lavoro sono state 685, quasi 2 al giorno.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 08-11-2022


Tragedia a Milano: 14enne muore investito da un tram 

Catania: donna colpita dal marito con un posacenere