La FIA non svela i termini dell’accordo raggiunto con la Ferrari, forse per la clausola di riservatezza richiesta proprio dalla Rossa.

Continua a tenere banco lo scontro tra le Scuderie di Formula 1 e la FIA per l’accordo stipulato con la Ferrari per quanto riguarda la power unit 2019. I team non hanno apprezzato il fatto che termini i motivazioni dell’accordo siano sotto segreto.

Charles Leclerc
Montmelo’ (Spagna) 28/02/2019 – test F1 / foto Federico Basile/Insidefoto/Image Sport nella foto: Charles Leclerc

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’accordo ‘segreto’ tra FIA e Ferrari

Nonostante la rivolta delle scuderie, che hanno inviato una lettera di protesta alla FIA, i termini dell’accordo non dovrebbero essere svelati. E questo perché, stando a quanto riferito da il Corriere dello Sport, la Ferrari avrebbe chiesto alla Federazione una clausola di riservatezza. Un’indiscrezione che, se confermata, alimenterebbe i dubbi delle avversarie sulla passata stagione, quando la Red Bull, senza mezzi termini, aveva accusato la Rossa di barare.

Charles Leclerc
fonte foto https://twitter.com/ScuderiaFerrari

La rivolta delle Scuderie

Red Bull e Mercedes guidano la rivolta e chiedono alla Federazione di rendere noti i termini dell’accordo raggiunto con la Ferrari. Le Scuderie hanno dato alla FIA cinque giorni di tempo per scoprire le carte. Sembra però che i termini siano blindati dalla clausola di riservatezza chiesta dalla Ferrari sulla base di una norma che effettivamente renderebbe lecita la procedura.

I dubbi sulla Ferrari

Il dato di fatto, ad oggi, è che il velo di mistero che circonda l’accordo alimenta dubbi sulla regolarità della power unit progettata ed utilizzata dalla Ferrari la scorsa stagione. Il silenzio imposto continua a dare voce alle proteste della Red Bull che anche alla vigilia del nuovo mondiale non ha risparmiato critiche alla Rossa e alla Federazione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-03-2020


F1, in Australia si corre a porte aperte

Formula 1, Sette Camara firma con la Red Bull