Condannato dalla Corte per aver inventato diverse teorie complottiste: adesso Alex Jones dovrà pagare 4 milioni.

Alex Jones, conduttore radiofonico statunitense, noto sostenitore di varie teorie del complotto ed esponente dell’estrema destra americana nonché conduttore del programma radio “Alex Jones Show” da Austin e proprietario del sito web InfoWars, è stato condannato a pagare 4 milioni di dollari. 

Alex Jones, attraverso i suoi canali, ha più volte diffuso teorie del complotto, bufale e fake news. Adesso, proprio per questo motivo, la Corte ha condannato il fondatore di Infowars a pagare un risarcimento-monstre per diffamazione. Ma i guai per il conduttore potrebbero non essere finiti qui. 

Tribunale

La multa che dovrà pagare ammonta precisamente a 4,1 milioni di dollari. Il conduttore radiofonico statunitense è noto per essere un cospirazionista, fondatore del sito Infowars. Ora, secondo quanto stabilito dalla Corte, è obbligato a pagare la somma sopra citata come risarcimento alle famiglie delle vittime della strage perpetrata nella scuola elementare di Sandy Hook. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il massacro nella scuola elementare di Sandy Hook

Attraverso i suoi canali di propaganda complottista, lo statunitense Alex Jones ha da sempre definito come “una bufala” del governo il massacro avvenuto alla Sandy Hook Elementary School. Il fatto risale al 14 dicembre 2012. Quel giorno, Adam Lanza, di 20 anni, aprì il fuoco all’interno della scuola elementare, causando la morte di 27 persone. Di queste, 20 erano bambini di età compresa tra i 6 e i 7 anni. L’autore della carneficina si suicidò prima dell’arrivo della polizia. 

Ma nonostante per anni abbia sostenuto fermamente nei suoi canali che si trattasse di un complotto del governo, durante l’ultima udienza davanti al giudice Maya Guerra Gamble rinnegò tutte le affermazioni fatte, dichiarando che la strage «è vera al 100%». Alex Jones per anni si è arricchito inventando le più svariate teorie del complotto. In seguito all’udienza, ha tentato di aderire all’istanza di protezione fallimentare americana per evitare di pagare il conto.  

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 05-08-2022


Scarcerato per errore il 15enne che accoltellò Marta Novello 

Denise Pipitone, la bimba di 4 anni scomparsa