L’Alfa Romeo Giulietta riprende un nome storico del Biscione, abbinando stile e prestazioni grazie ad un quattro cilindri in linea dai 120 CV ai 240 CV.

La Giulietta è un modello di berlina compatta prodotto dalla Alfa Romeo a partire dal 2010. Progettata da Lorenzo Ramaciotti e dal Centro Stile Alfa, ha subito due restyling, uno nel 2013 e l’altro nel 2016, benché già nel 2015 ne sia stata prodotta una serie speciale, la ‘Sprint Speciale‘. Riprende il nome di uno storico modello della casa del Biscione, la berlina prodotta in due momenti diversi tra gli anni Cinquanta e la metà degli anni Ottanta.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Scheda tecnica e design

L’Alfa Romeo Giulietta 2016 si presenta come una berlina due volumi compatta, cinque porte, omologata per cinque posti, lunga 4.35 metri, larga 1.80 e alta 1.46 metri, assemblata utilizzando la struttura modulare ‘Compact‘. La trazione è anteriore, lo schema delle sospensioni è a ruote indipendenti con montante telescopico MacPherson all’anteriore mentre al posteriore monta sospensioni a ruote indipendenti Multilink a tre bracci con barra stabilizzatrice.

Per quanto concerne il design, la Giulietta conserva la tipica eleganza di un’Alfa senza rinunciare a strizzare l’occhio ad una linea dal carattere sportivo. Quest’ultimo emerge in maniera particolare dal frontale: la griglia centrale, sormontata dallo stemma del costruttore, conserva la caratteristica forma triangolare Alfa, impreziosita dal profilo cromato. La fascia paraurti accoglie un’ampia presa d’aria dal design dinamico in cui trovano posto anche due faretti di forma rotonda; il cofano del vano motore è solcato da due fasce scanalate che enfatizzano la forma della calandra anteriore.

Accenti da auto sportiva si rintracciano anche in molti elementi caratteristici del prospetto posteriore; lo spoiler con gruppo ottico centrale incorporato sormonta il lunotto. Un’ampia fascia paraurti si contraddistingue per il diffusore e il doppio terminale cromato del sistema di scarico. I volumi, definiti in maniera decisa, dividono il prospetto in tre fasce orizzontale: quella centrale include i gruppi ottici con al centro lo stemma dell’Alfa. La stessa impostazione stilistica si ritrova anche lungo le fiancate: poche linee restituiscono superfici fluide, ‘sporcate’ solo dalle maniglie anteriori, dal momento che quelle posteriori sono inglobate nel montante.

La carrozzeria è disponibile nelle seguenti colorazioni: Bianco, Rosso, Nero, Grigio Lipari, Grigio Silverstone, Grigio Stromboli, Blu Anodizzato Metalizzato, Nero Etna, Rosso Competizione e Perla Moonlight. Ovviamente è possibile personalizzare l’aspetto della vettura scegliendo tra la gamma degli accessori; tra questi vi sono il Kit Sicurezza (sensori di parcheggio e allarme volumetrico), le calotte cromate o in fibra di carbonio degli specchietti retrovisori, i cerchi in lega da 18” cromati con effetto argentato, bianco diamantato o grigio brunex in formato 8C, le barre porta bagagli, i paraspruzzi e lo spoiler posteriore in fibra di carbonio; la gamma include inoltre un kit di minigonne e gli scarichi maggiorati mentre per gli interni sono disponibili alcuni optional quali i sovratappeti in velour, gomma o moquette e il pomello del cambio in fibra di carbonio.

Le motorizzazioni Alfa Romeo Giulietta

La gamma di motorizzazioni della Giulietta 2016 è piuttosto ampia, per via delle diverse combinazioni tra alimentazione e tagli di potenza. Il power train da 1.4 litri turbobenzina (1.368 cc di cilindrata) è un quattro cilindri in linea, abbinato ad un cambio meccanico a sei rapporti. I tagli di potenza sono 120 CV, 150 CV, 170 CV e 240 CV mentre la velocità massima dichiarata è di 195 km/h. La versione da 120 CV è disponibile anche con la doppia alimentazione a GPL.

Più articolata l’offerta di propulsori diesel (sempre con architettura 4 cilindri in linea a trazione anteriore e cambio manuale a sei marce). Il motore JTDm da 1.6 litri (1.598 cc di cilindrata) è offerto in una versione da 120 CV; il 2.0 litri, da 1.956 cc, è declinato nei tagli di potenza da 150 CV e 175 CV. Ciascuna motorizzazione viene abbinata ad un cambio automatico TCT a doppia frizione, che consente il passaggio alla marcia successiva con la precedente ancora innestata senza perdere potenza. Inoltre, tramite il selettore Alfa DNA, è possibile scegliere tra tre diverse modalità di guida: Dynamic, Natural (per contenere i consumi) e All-Weather (preferibile in condizioni di scarsa aderenza). I sistemi Start&Stop ed Efficent Drive, offerti di serie con ogni motorizzazione di gamma, consentono di ottimizzare la resa dei power train.

Per ciò che riguarda i consumi dell’Alfa Romeo Giulietta, le motorizzazioni a benzina – in ciclo misto su 100 km percorsi – vanno dai 6.8 litri del 240 CV ai 4.9 litri del 170 CV; la variante a GPL consuma 8.5 litri in percorso urbano, 5.2 l su ciclo extraurbano e 6.4 litri su percorso misto. I power train alimentati a diesel, invece, hanno consumi mediamente inferiori: il dato relativo al ciclo misto si colloca tra 3.9 e 4.9 litri ogni 100 km percorsi. Capitolo emissioni: i motori a benzina ‘sporcano’ molto di più in quanto producono un quantitativo di CO2 compreso tra 114 g e 157 g per chilometro; molto meglio i riscontri dei propulsori diesel (tra 103 e 113 g/km).

Alfa Romeo Giulietta
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/125818212@N04/25788324294

Gli interni e la dotazione tecnologica

Gli interni della nuova Alfa Romeo Giulietta si presentano rinnovati, sia nei materiali che nelle finiture. Ai nuovi sedili in tessuto tecnico bicolore grigio e nero di serie si abbina il volante a tre razze con comandi integrati. Il nuovo tunnel centrale ospita il display dal quale gestire i servizi Uconnect Live oltre alla radio e all’impianto stereo Hi-Fi Bose da 500 Watt.

Il sistema di infotainment Uconnect include le seguenti funzionalità: dati in tempo reale sul traffico, previsioni del tempo, informazioni sull’auto e sulla guida, musica, notizie e canali social. A questi si aggiunge Alfa Performance, un servizio sviluppato esclusivamente per la Giuletta che consente al guidatore di monitorare le prestazioni di guida. Sul fronte sicurezza, l’Alfa Romeo Giulietta offre una dotazione comprensiva di sei airbag, ESC (Controllo elettronico della stabilità) e Active Steering con Dynamic Steering Torque.

Il prezzo dell’Alfa Romeo Giulietta

La gamma Alfa Romeo Giulietta include cinque allestimenti: Base, Super, Veloce, Sport e Business. Per ciascuno dei livelli, il prezzo di listino varia in base alla motorizzazione cui è abbinato. L’allestimento più economico è quello base (con motore a benzina da 120 CV) disponibile a partire da 23.250 euro mentre servono 27.750 euro per la versione diesel. Il modello più caro è l’allestimento Super, abbinato alla motorizzazione più potente di gamma (il benzina da 240 CV) che a listino costa 33.900 euro.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/29585867@N03/10516331325

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/125818212@N04/25788324294

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-06-2018


Formula 1, dominio di Vettel a Montreal. Il tedesco trionfa in Canada

Lancia Ypsilon vs Fiat 500: due classici made in Italy al passo con i tempi