L’aliquota base della nuova Imu sarà dell’8,6 per mille. I sindaci potranno sia aumentarla che azzerarla. Confermata la flat tax.

ROMA – L’aliquota base della nuova Imu sarà dell’8,6 per mille. E’ questa l’ultima importante novità della manovra. Il governo è al lavoro per perfezionare la bozza della legge di bilancio che sarà presentata nei prossimi giorni in Parlamento. E proprio qui potranno essere apportate delle modifiche importanti agli emendamenti previsti in questo provvedimento.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’aliquota base della nuova Imu

L’ultima novità riguarda l’aliquota base della nuova Imu, che dopo la fusione con la Tasi, sarà dell’8,6 per cento ma i sindaci potranno sia aumentarla (10,6 per mille nel 2019 e 11,4 per mille nel 2020) che ridurla o azzerarla. Il Comune, inoltre, potrà anche decidere di annullare il prelievo su ville, castelli o abitazioni di pregio.

Non cambia, invece, la norma per quanto riguarda le case date in affitto a canone concordato con lo sconto fissato al 25%. Le aziende e i lavoratori autonomi, inoltre, potranno detrarre integralmente l’Imu già dal 2022 sugli immobili usati per l’attività.

Confermata la plastic tax

Nella bozza della manovra è stata confermata la plastic tax. Questa tassa comprende anche il polistirolo, i tappi e le etichette di plastica. Esclusi, invece, i prodotti riutilizzabili come le taniche o i contenitori per la custodia di oggetti.

Giuseppe Conte
Fonte foto: https://www.facebook.com/Cameradeideputati/

Saltano le indennità dei ministeri

Nessuna indennità da 100 milioni di euro per i ministeri. La norma è saltata proprio nell’ultima versione della bozza della manovra dopo il no da parte del MoVimento 5 Stelle. Il viceministro Buffagni nella giornata di ieri aveva chiesto di destinare quei fondi alle imprese per l’assunzione dei giovani.

Le reazioni del governo

Dal Marocco Di Maio chiede a tutti di “sostenere questa manovra che è migliorata grazie anche al lavoro del MoVimento 5 Stelle“. Più cauto, invece, Matteo Renzi che attacca la decisione di inserire le tasse su auto aziendali, plastica e zucchero: “Lavoreremo in Parlamento per eliminarle. E chiedo a tutti di darci una mano per questa nostra battaglia in Parlamento“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-11-2019


Bce, inizia l’era Christine Lagarde

Lotta all’evasione fiscale, gli italiani dicono addio alla privacy