Il caldo di quest’anno ha causato numerosi problemi in diversi ambiti: dalla crisi idrica agli incendi, fino a causare problemi sulle rotaie.

Il forte caldo a cui stiamo assistendo durante quest’estate 2022 porta con sé numerose problematiche. I binari delle rotaie diventano roventi, fino a toccare i sessanta gradi. A causa del gran caldo, è previsto un eccesso di mortalità come accadde anche nel 2003. 

La crisi climatica ed il conseguente caldo non dà tregua, sarà un fine settimana all’insegna del caldo record. Le temperature afose di questa settimana, non hanno ancora raggiunto il picco: la massa d’aria sub sahariana sta risalendo dalla penisola iberica, diretta verso il Golfo di Biscaglia e la Francia.   

Nel frattempo, il tasso di umidità sale e le temperature in tutta Italia toccano la soglia dei quaranta gradi. Nel 2021 l’Italia è stato il primo Paese d’Europa ed il secondo nel mondo a detenere il numero più alto di incendi scoppiati. 

Se ne registrano un totale di 1422, con ben 160.000 ettari di superficie bruciati. Sono numero allarmanti, i più alti registrati da dieci anni a questa parte. Ma le conseguenze nefaste del caldo non finiscono qui. A causa delle alte temperature si è verificato anche il rallentamento dei treni della linea 2 della Metropolitana milanese imposto dai protocolli di sicurezza.  

Treno Milano

Invece, a La Spezia, un treno è deragliato a causa dei binari deformati dal caldo. Chiara Cadeddu, docente di Igiene e medicina preventiva dell’Università Cattolica, ha parlato della situazione d’allarme all’ANSA. “Viste le temperature estreme raggiunte quest’anno, i dati ci fanno ritenere che nel 2022 avremo un eccesso di mortalità dovuto al caldo, come avvenuto già durante l’estate del 2003. Tanto più che oggi, rispetto a 20 anni fa, per via dell’aumento dell’aspettativa di vita, abbiamo una maggior presenza di anziani e fragili, che sono le persone sulla cui salute il caldo eccessivo può avere un impatto più forte”, queste le sue parole. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le regioni interessate maggiormente dall’ondata bollente 

Le regioni maggiormente colpite a nord sono Milano, Pavia, Cremona, Mantova, Piacenza, Parma, Bologna, Ferrara, Padova, Verona. Al centro bollino rosso per Firenze, Perugia, Terni, Roma, Viterbo, Ancona, Pescara. Invece al sud Napoli, Trapani, Palermo, Messina, Cosenza, Foggia, Legge. Il caldo torrido inizierà a dilagare non prima di giovedì, andando poi a stemperare verso il mercoledì della settimana successiva. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 23-07-2022


Ddl Concorrenza, l’approvazione del provvedimento in luglio

Omicron, il vaccino Covid funziona sui bambini