Le cavallette che hanno invaso la Sardegna: “Mangiano qualsiasi cosa, entrano anche in casa”. La rabbia degli agricoltori.

La Sardegna è letteralmente invasa dalle cavallette. Questi animali stanno devastando ogni pezzetto di terra. Nell’ambito del comune sardo di Noragugume, il caldo torrido, sembra addizionarsi tragicamente a questa incredibile piaga animale. Le cavallette sembrano fermarsi al tramonto, per poi ripartire all’attacco all’alba seguente, più assetate che mai.

Parliamo di una vera e propria invasione, che si è sviluppata a partire dalla metà di Marzo scorso, per il quarto anno consecutivo. L’epicentro della piaga, si configura in Noragugume, centro che a partire dal 2019 è puntualmente condizionato da questo tipo di invasione, che riversa e riflette poi a tutti i territori della Media valle del Tirso, amplificandone la portata, che ogni anno sembra diventare sempre maggiore.

Quest’anno infatti, la piaga è arrivata ad infestare anche i centri abitati.

Coldiretti di Nuoro e Ogliastra, stima che a rischio ci possono essere 50 mila ettari di terra, contro i 2 mila del 2019.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La disperazione degli agricoltori sardi

Il governo sta decidendo se dichiarare lo stato d’emergenza, mentre le voci degli agricoltori si levano sorde, in cumuli di rabbia infinita: “Abbiamo lavorato un anno intero per ottenere zero”.

regione sardegna
regione sardegna

La sindaca di Noragugume, Rita Zaru, rincara la dose: “Un danno che si somma a una generale situazione economica abbastanza critica, al caro mangime (da acquistare perché divorato dalle cavallette ndc) e a una situazione che si ripresenta ogni anno, diventando sempre più insostenibile”.

“Allevatori e agricoltori sono in ginocchio sia per il continuo ripresentarsi di un fenomeno che in poco tempo rade al suolo tutto il lavoro svolto in un anno, sia perché i ristori previsti non sono ancora stati erogati, a partire da quelli del 2019, prima annata dell’invasione, in cui è stato sottovalutato il problema.Manca l’ascolto e ci sentiamo figli di un dio minore, abbandonati da tutti, dalle istituzioni ma anche dal nostro popolo: le mani tese sono davvero pochissime”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-06-2022


Allarme siccità: rischio rincari fino al 30%

Covid: aumenta il numero delle assicurazioni viaggio