Allerta meteo per la giornata di domani 11 ottobre, con rovesci e temporali in gran parte della penisola italiana.

La Protezione Civile ha emesso un nuovo avviso di allerta meteo valutando una nuova allerta gialla per quattro regioni. Il freddo inizia a toccare nelle ultime settimane alcune zone d’Italia, prevedendo un inverno particolarmente freddo che si avvicinerà su larga scala. Dopo le piogge di oggi, il maltempo si placa in alcune regioni, ma non su tutte.

Meteo
Meteo

Da oggi hanno avuto inizio i primi rovesci temporaleschi in gran parte d’Italia. Ora sembra che il sole stia illuminando alcune regioni, ma non tutte: alcune di esse sono ancora a rischio maltempo per la giornata di domani 11 ottobre. La Protezione Civile ha emesso un nuovo avviso di allerta meteo valutando una nuova allerta gialla per quattro regioni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Allerta meteo, regioni a rischio

Il meteo segna gelo e neve anche in pianura, prevedendo un inverno particolarmente freddo. Da domani, il tempo migliorerà gradualmente a partire dalle regioni settentrionali, ma gli annuvolamenti insisteranno nelle zone interne delle regioni del Centro Italia e sull’estremo sud.

Per martedì 11 ottobre, quindi, allerta gialla per temporali su Calabria, sul Salento in Puglia, nella Marsica in Abruzzo e su alcuni settori dell’Umbria. Valutata inoltre una allerta di Ordinaria criticità per rischio idraulico sulla Calabria e una allerta per rischio idrogeologico su Abruzzo Calabria e Puglia.

Previste invece nubi irregolari con brevi e locali rovesci su Liguria di ponente, pianura padana, appennino emiliano-romagnolo e aree alpine e prealpine ma in rapido dissolvimento. Più nubi e piogge poi su Marche e Abruzzo, mentre il maltempo toccherà più da vicino Puglia, Molise, Basilicata, Calabria e aree interne e appenniniche della Campania.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-10-2022


Guerra in Ucraina, Mattarella chiede “pace urgente e necessaria”

Kiev, cantano in stazione metro durante l’attacco russo