Chi era Nilde Iotti, la biografia e la vita privata della politica italiana. Tutto quello che c’è da sapere sulla donna.

ROMA – Il 20 giugno ricade l’anniversario della nascita di Nilde Iotti. Il presidente Mattarella con un messaggio ha voluto ricordare la politica a cento anni dalla sua venuta al mondo.

Chi era Nilde Iotti, la biografia della politica italiana

Nata a Reggio Emilia il 10 aprile del 1920, Nilde Iotti sin da piccola si è sempre interessata alla politica grazie al padre che era un sindacalista socialista. Rimasta orfana nel 1934, è riuscita a laurearsi all’Università Cattolica di Milano nel 1942, grazie alle borse di studio e lì ha iniziato a frequentare personalmente i partiti politici, grazie ad Amintore Fanfani che è stato un suo professore.

Da questo momento ha preso il via la sua ascesa politica che la ha portato all’elezione nel 1972 come presidente della Camera, prima volta per una donna. Ruolo ricoperto per 13 anni di fila grazie a tre mandati che l’hanno portata ad entrare nella storia italiana.

Le dimissioni sono arrivate nel 1999 per gravi problemi di salute. Si è spenta pochi giorni dopo il suo passo indietro per un arresto cardiaco alla clinica Villa Luana di Poli a Roma. Una scomparsa che ha lasciato un vuoto incolmabile nel mondo della politica italiana. E il suo nome sarà per sempre ricordato anche dalle generazioni future per l’impegno che ha caratterizzato la sua attività.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Nilde Iotti
fonte foto https://it.wikipedia.org/wiki/Nilde_Iotti

Nilde Iotti: marito, figli e vita privata

La vita privata di Nilde Iotti è andata di pari passo a quella politica. La donna è stata l’amore per cui Palmiro Togliatti ha lasciato moglie e figlio. La loro relazione – divenuta ufficiale dopo l’attentato del 1948 – è andata avanti fino alla morte del leader del Partito Comunista. I due hanno ottenuto l’affidamento di una bambina orfana, Marisa Malagoli.

fonte foto copertina https://it.wikipedia.org/wiki/Nilde_Iotti


Berlusconi, “Sono ancora in campo e intendo rimanerci”

Chi è Roberto Gualtieri