Antonia Terzi è morta all’età di 50 anni in un incidente. E’ stata l’ingegnera di Ferrari e Williams.

ROMA – Lutto nel mondo della Formula 1. E’ morta Antonia Terzi, ingegnera di Ferrari e Williams, conosciuta da tutti per essere una delle donne più apprezzate nel mondo del circus. Come riportato dal Corriere della Sera, la donna è deceduta in un incidente stradale in Inghilterra e le autorità locali stanno effettuando tutti gli approfondimenti del caso per accertare meglio la dinamica di questo scontro.

Una notizia che ha sconvolto l’intero mondo del circus e il cordoglio è stato immediato e sicuramente nelle prossimo appuntamento in Messico la stessa Formula 1 ricoderà l’ingegnera italiana.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Chi era Antonia Terzi

Nata nel Modenese, Antonia Terzi da sempre è stata una appassionata di motori. Dopo la laurea in Ingegneria, l’ingresso in Formula 1 è arrivato proprio con la Ferrari. Una scuderia che vedeva la presenza di Jean Todt al comando e di Michael Schumacher in pista.

Il lavoro dell’ingegnera, però, è sempre stato molto apprezzato dal circus tanto che la Williams ha fatto di tutto per portarla nel proprio staff. Un tentativo riuscito nonostante i dubbi della Ferrari che, dopo cinque anni di collaborazione, la voleva confermare in squadra.

GP Formula 1
GP Formula 1

L’incidente

Esperienza con la Williams che l’ha portata a trasferirsi definitivamente in Inghilterra. Nonostante la fine della sua avventura in Formula 1, Antonia ha continuato a vivere nel Regno Unito e la morte è avvenuta in seguito ad un incidente stradale.

Sulla vicenda è in corso un’indagine per accertare meglio l’accaduto e la dinamica dell’incidente. La notizia è stata accolta con molto dolore dall’intero circus. E in Messico sia Williams che Ferrari potrebbero ricordare l’ingegnera che in passato è stato un punto di riferimento dello staff durante la sua esperienza in Formula 1.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 01-11-2021


Da Vidal a Spalletti, quando l’utilitaria viene preferita alla macchina di lusso

Ryanair lascia la Borsa di Londra?