L’appello di Confindustria a Conte non ha fatto slittare la firma al nuovo decreto. Il dpcm entrerà in vigore da lunedì 23 marzo.

ROMA – Il nuovo decreto sulle misure più restrittive è slittato di qualche giorno. Nelle ultime ore, infatti, è Confindustria ha fatto un appello al premier Conte chiedendogli di tenere conto di alcuni punti molto importanti nella stesura del nuovo testo.

Questa lettera, firmata dal presidente Boccia, non ha portato Palazzo Chigi a prendersi qualche ora di riflessione e non sono escluse delle nuove videoconferenze con sindacati e industriali per valutare ulteriori modifiche.

La lettera di Confidustria blocca il decreto?

La conferenza stampa di Conte aveva aperto la strada alla pubblicazione del nuovo decreto con misure più restrittive ma la lettera di Confindustria poteva bloccare l’immediata approvazione del dpcm che prevede la chiusura di tutte le attività non essenziali.

Il presidente Boccia ha chiesto di tenere conto di alcuni punti considerati da lui molto importanti nella stesura di questo nuovo testo per non rischiare la chiusura di molte aziende che con uno stop rischiano di non aprire più. Per questo, secondo quanto riportato da Repubblica, Palazzo Chigi ha pensato di rimandare la pubblicazione di qualche giorno anche se poi è prevalsa la linea iniziale.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Confindustria
fonte foto https://www.facebook.com/confindustria/

Confapi: “Chiediamo qualche giorno in più”

La richiesta di Confidustria è stata condivisa anche da Confapi: “Molti container – ha precisato il presidente Maurizio Casasco – arriveranno nei prossimi giorni nelle fabbriche per scaricare merci e i fornitori esteri giù minacciano penali, se il blocco entrasse subito in vigore. Chiediamo al Governo di esentare dalle tasse il differenziale di fatturato delle pmi rispetto al mese precedente. E di prevedere un vantaggio fiscale per gli imprenditori che quest’anno lasceranno gli utili in azienda“.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/

ultimo aggiornamento: 22-03-2020


Coronavirus, la lettera di Mattarella: “Qui viene decimata la generazione più anziana”

Coronavirus, Salvini: “Mattarella convochi le opposizioni unite”