L’appello della zia materna di Eitan: “E’ stato sottratto da una famiglia che non lo conosceva e non era stata vicina a lui in precedenza”.

ROMA – A distanza di diversi mesi dalla tragedia del Mottarone, la zia materna di Eitan ha lanciato un appello per far ritornare il piccolo in Israele: “Il bambino è stato sottratto da una famiglia che non lo conosceva, che in precedenza non era stata a lui vicina in alcun modo”.

Il bimbo, secondo quanto riportato dall’Ansa, è stato affidato alla zia paterna anche se per il legale della famiglia della madre “Eitan è in ostaggio“.

Il presidente della Comunità ebraica di Milano: “Una situazione abbastanza triste”

Il presidente della Comunità ebraica di Milano ha parlato di “una situazione abbastanza triste, non so che logica ci possa essere a portare il bambino in Israele. Loro lo giustificano con il fatto che sono i parenti materni e che quindi lo vogliono far crescere lì“.

E il rabbino capo di Torino Ariel Porto ha detto che “nei giorni scorsi Eitan è stato in ospedale, a Torino, per togliersi i gessi. Sta meglio e questa è una splendida notizia […]. I segni di ripresa ci sono, il suo percorso sarà lungo ma sta rispondendo bene e ci sta dando speranza di fronte alla tragedia che ha vissuto“.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Funivia
Funivia

Come sta Eitan

Condizioni in netto miglioramento per Eitan. Come detto, il piccolo sta continuando il percorso di recupero e in questa lunga strada ci sono tante altre persone. I ciclisti al bambino hanno donato una maglia di campione del mondo e un assegno di 30mila euro, i premi della 19esima tappa che ha cambiato percorso proprio per la tragedia del Mottarone. “E’ un gesto che fa onore ai ciclisti – il commento di Gianni Bugno – volevano dare un contributo in questo momento difficile per Eitan: era il minimo che potessero fare i corridori“.

ultimo aggiornamento: 11-08-2021


Violenza sessuale di gruppo a Lignano Sabbiadoro, cinque indagati

Green Pass in mensa, primo sciopero in azienda