La storia dell’Arbre Magique: canzoni e film lo hanno fatto diventare più di un semplice profumatore per auto, è un vero e proprio mito.

“Tappetini nuovi, Arbre Magique, deodorante appena preso che fa molto chic”. Inizia così una delle più celebri canzoni degli 883, Sei un mito. Il mito di cui canta Max Pezzali è la ragazza con cui nel brano ha un appuntamento, un vero e proprio mito lo è diventato anche quell’alberello che è più di un semplice profumatore per auto. Dal 1952, quando è nato negli Stati Uniti, è cresciuto e si è sparso in tutto il mondo, conquistando gli automobilisti di ogni età.

Arbre Magique: la storia

Per scoprire le origini dell’Arbre Magique bisogna tornare ai primi anni ’50 e trasferirsi a Watertown, cittadina dello stato New York che si trova quasi al confine con il Canada. Julius Samann, che di professione faceva il profumiere, ascoltò un giorno il lattaio della cittadina lamentarsi dell’odore che i prodotti che trasportava lasciavano sul suo furgoncino.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Arbre Magique
Arbre Magique

Quella lamentela fu per Julius Samann fonte d’ispirazione che decise di creare un profumatore per auto. E’ nato così l’arare Magique, anche se il suo nome originale è Little Tries. Nel 1964 è arrivato per la prima volta in Italia, diventando ben presto un oggetto iconico, oltre che quasi indispensabile, anche nel nostro Paese.

Arbre Magique: il più venduto

Quando si parla di Arbre Magique il primo a venire in mente è quello classico al profumo di “Pino“. Non è un caso che sia anche quello più venduto. Ma grande successo presso gli automobilisti ce l’hanno anche le fragranze “Vaniglia” e “Sport“. Curiosamente, “Pino” e “Vaniglia” sono anche le uniche due fragranze che inizialmente era possibile acquistare in Italia.

Da quando nel 1964 è arrivato in Italia, quell’albarello da appendere allo specchietto retrovisore (ma c’è anche chi lo appende al cambio manuale) ha conquistato molto velocemente gli automobilisti.

Arbre Magique: i profumi

Se, come detto in precedenza, le uniche due fragranze tra cui si poteva inizialmente scegliere erano quelle al “Pino” e alla “Vaniglia”, oggi esistono circa 40 profumi di Arbre Magique.

Le fragranze vanno dalla “Menta Glaciale” (di colore bianco) a “Sport” (quello Nero e rosso), poi i classici “Pino” e “Vaniglia” (di colore verde e giallo), ma anche “Lavanda” (Arbre Magique viola), “Auto nuova”, “Fresh Water”, “Ibiza Coktail”, “Cocco”, “Fuit Cocktail”, “Agrumi di Capri”, “Brezza di Mykonos”, “Mela verde”, “Lemon”, “Fragola”, “Black Pine” e addirittura “Bubble Gum”.

Il sogno di molti è poi quello di poter realizzare un Arbre Magique personalizzato con i propri gusti preferiti, che magari sono molto differenti da quelli attualmente in commercio. E’ già possibile acquistare dei profumatori per auto fatti su misura, scegliendo forma e fragranza, ma un Arbre Magique personalizzato al momento è ancora un sogno.

Arbre Magique: le canzoni

L’Arare Magique, come dicevamo, è diventato un vero e proprio mito, tanto da essere citato in diverse canzoni. In apertura di articolo abbiamo riproposto la prima strofa di “Sei un mito” degli 883, ma anche Calcutta ha dedicato una canzone all’alberello: il titolo è proprio “Arbre Magique”. E il mitico profumatore per auto è citato anche in “Il Funkytarro” degli Articolo 31.

Arbre Magique: i film

Non mancano poi le citazioni cinematografiche: di profumatosi per auto a forma di alberelli se ne vedono a bizzeffe in una scena del crimine di Seven mentre Robin Williams ce l’ha appeso al collo in La leggenda del re pescatore. E prima ancora era stato il regista Alex Cox a inserirlo nel suo Repo Man – Il ricuperatore.

ultimo aggiornamento: 24-09-2021


Formula 1, nuova power unit per Verstappen: l’olandese a Sochi partirà in fondo alla griglia

Formula 1, Mercedes davanti a tutti nelle prove libere di Sochi