Armando Zamparini, figlio di Maurizio, è stato trovato morto nella sua camera d’albergo. Da accertare le cause del decesso.

È morto Armando Zamparini, figlio di Maurizio, ex numero uno del Palermo. Il giovane di 23 anni è stato trovato privo di vita nella sua camera di albergo a Londra.

Morto Armando Zamparini, figlio 23enne di Maurizio

Armando Zamparini si era trasferito nel Regno Unito per motivi di studio. Stando alle informazioni emerse, il ragazzo è stato trovato morto nella sua abitazione. Sono ancora da accertare le cause del decesso.

Stando alle prime informazioni raccolte, sembra che il giovane sia morto in seguito ad un arresto cardiaco, quindi il decesso sarebbe da ricondurre a cause naturali. Secondo quanto riferito da diversi media, sembra che il 23enne soffrisse di una patologia cardiaca.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Maurizio Zamparini
Maurizio Zamparini

Il cordoglio del Palermo: “Il ricordo di Armandino rimarrà vivido nei collaboratori del Palermo”

Il Palermo ha pubblicato una nota di cordoglio per esprimere il dolore per la tragedia che ha travolto la famiglia Zamparini.

Il presidente Dario Mirri e tutta la famiglia del Palermo FC si stringono nel terribile dolore per la scomparsa prematura di Armando, figlio dell’ex presidente rosanero Maurizio Zamparini. Il ricordo di Armandino è e rimarrà vivido nei collaboratori del Palermo che lo hanno conosciuto e visto crescere durante il periodo della presidenza Zamparini in viale del Fante. Ai genitori e i familiari di Armando, le più sentite condoglianze“, si legge nella nota pubblicata sul sito ufficiale del Palermo.

Chi era

Armando è l’unico figlio nato dal secondo matrimonio di Maurizio. Il giovane, quando il padre era patron del Palermo, si fermava spesso al centro sportivo dei rosa-nero per giocare con i calciatori al termine dell’allenamento. Armando lavorava per la società di famiglia.

ultimo aggiornamento: 01-10-2021


Ancora una tragedia sul lavoro, operaio morto nel Milanese

Dolcetto o scherzetto, bambino pestato in un bar ad Halloween. Ora il reato rischia di cadere in prescrizione