Arrestata l’attentatrice di Istanbul: sarebbe una donna la responsabile dell’esplosione a Istiklal Caddesi che ha provocato 6 morti.

Le forze dell’ordine della Turchia hanno arrestato il responsabile dell’esplosione a Istiklal Caddesi, una via centrale di Istanbul sempre trafficata da residenti e turisti. Secondo quanto appreso fino ad ora, l’attacco non sarebbe ancora stato rivendicato. La responsabile dell’attentato è una donna: gli inquirenti hanno provveduto al suo arresto durante il pomeriggio di ieri, 13 novembre.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La vicenda

L’attentatrice di Istanbul ha agito durante il pomeriggio di ieri, 13 novembre: ha piazzato l’ordigno esplosivo nella centralissima Istiklal Caddesi, a Istanbul. Durante l’attentato sono morte almeno 6 persone, mentre altre 81 sono rimaste ferite in seguito alla vicenda. Al momento dell’attentato, la via dello shopping era affollata.

Santa Sofia Istanbul

La notizia dell’arresto della colpevole giunge in seguito ad una comunicazione del ministro dell’interno turco Soumeylan Soylu all’agenzia di stampa Anadolu. In un primo momento, il presidente Recep Tayip Erdogan e il suo vicepresidente, Fuat Oktay, avevano spiegato che la responsabile dell’attacco terroristico “una donna”.

Il ministro dell’interno, in un primo momento, aveva accusato il partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk) di aver piazzato l’ordigno- “Secondo le nostre conclusioni, l’organizzazione terroristica del Pkk è responsabile dell’attacco”, ha dichiarato. Gli inquirenti hanno provveduto all’arresto di 22 persone, tra cui la donna responsabile dell’esplosione.

Istiklal Caddesi è una strada di Istanbul sempre trafficata, piena di residenti e turisti. Il ministro della giustizia, Bekir Bozdag, ha parlato della presenza di una borda sospetta appoggiata su una panchina: “Una donna si è seduta su una panchina per 40-45 minuti, e qualche tempo dopo c’è stata un’esplosione. Tutti i dati su questa donna sono attualmente sotto indagine”, dice. E prosegue: “O questa borsa conteneva un timer o qualcuno l’ha attivato da remoto”.

La promessa del presidente turco

“Gli autori di questo vile attacco saranno smascherati. Che la nostra gente stia sicura che sarà punita”, dice il presidente turco. Già precedentemente aveva affrontato una campagna di terrore in tutto il paese negli anni 2015 e 2016.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 14-11-2022


Attentato confermato a Instanbul!

Il giallo su Lavrov: “Ricoverato in ospedale dopo l’arrivo al G20”, la Russia smentisce