Operazione Wanted 3, arrestato in Spagna il latitante italiano Paolo Stellacci. Era nella lista dei cento ricercati più pericolosi.

È stato arrestato in Spagna il latitante Paolo Stellacci, su cui pendeva un mandato di arresto europeo. L’uomo era nella lista dei cento latitanti più pericolosi (o di maggiore interesse) stilata dal Ministero dell’Interno. La notizia è stata confermata dalla Polizia di Stato italiana che ha condiviso un video sulla pagina Twitter.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Arrestato in Spagna il latitante italiano Paolo Stellacci

Operazione “WANTED 3” Sco Squadra Mobile Udine e Scip con Policia spagnola hanno catturato in Spagna Paolo Stellacci nell’elenco dei 100 latitanti. Ricercato per violenza sessuale, calunnia, appropriazione indebita, truffa,ricettazione dovrà scontare oltre 18anni di reclusione“, regita il tweet della polizia italiana.

L’arresto di Paolo Stellacci è avvenuto ad Alicante, dove si era rifugiato. Gli uomini della polizia spagnola hanno fatto irruzione nel suo appartamento. Il blitz si inserisce nell’operazione Wanted 3.

Polizia
Polizia

L’operazione della polizia spagnola e le indagini degli inquirenti italiani

Gli inquirenti italiani hanno certificato la fuga di Paolo Stellacci dall’Italia e lo hanno rintracciato ad Alicante, A quel punto la Procura di Udine ha disposto un mandato di arresto europeo, eseguito dagli agenti della polizia spagnola. Nei prossimi giorni saranno determinati i tempi e i modi per il rimpatrio.

La Procura di Udine aveva condannato Stellacci a 18 anni e 27 giorni di reclusione. Si tratta di una pena cumulativa alla luce delle dodici condanne a carico dell’ormai ex latitante.

Le accuse a carico

Il latitante italiano deve scontare la pena per i reati di violenza sessuale, calunnia, appropriazione indebita, truffa aggravata e ricettazione. Al momento del suo arrivo in Italia Stellacci dovrebbe essere trasferito in carcere per scontare la condanna.


Omicidio Stefano Cucchi, la richiesta del pm: 18 anni ai carabinieri Di Bernardo e D’Alessandro

Strage via D’Amelio, indagato il dottore Cinà: era il medico di Totò Riina