L’assegno ordinario di invalidità è quel tipo di elargizione economica destinata a persone che hanno una capacità lavorativa ridotta e per ottenerlo bisogna fare domanda.

Chi ha diritto all’assegno di invalidità

Tra le persone (lavoratrici e lavoratori) che possono far domanda per ottenere tale elargizione su base mensile vi sono:

  • dipendenti
  • autonomi
  • persone iscritte a fondi pensioni sostitutivi ed integrativi dell’assicurazione di tipo obbligatorio

Al fine di ottenere l’assegno vi sono comunque dei requisiti da rispettare tra cui la riduzione riscontrabile della capacità lavorativa causata da infermità data da difetti fisici o mentali.

Occorrono anche almeno cinque anni di contribuzione e assicurazione di cui 156 giorni nei 5 anni precedenti alla presentazione della domanda.

Ovviamente non occorre interrompere l’attività lavorativa.

Inoltro della domanda

Ad oggi è possibile presentare la domanda per la richiesta di questo assegno esclusivamente per via telematica scegliendo però tra diversi canali elencati a seguire:

  • In Rete collegandosi ai servizi telematici dell’INPS che sono accessibili attraverso il rilascio di un PIN e collegandosi alla pagina web dell’istituto ovviamente
  • Via telefono rivolgendosi al contact center: numero 803164 che è gratuito da rete fissa o al numero 06164164 a pagamento da mobile
  • Recandosi presso un CAF intermediario dell’INPS e da lì usufruendo dei servizi telematici che vengono forniti dai patronati

Alla domanda che il soggetto presenterà deve essere allegata la certificazione medica fornita attraverso il Mod.SS3.

Specifiche sull’assegno di invalidità

Tale elargizione economica ha una decorrenza che parte dal primo giorno del mese successivo rispetto a quello nel quale si è presentata la domanda, ovviamente se questa viene accolta e i requisiti considerati validi al fine della stessa domanda presentata.

La validità dell’assegno è triennale. Può essere nuovamente confermato comunque se il soggetto ripresenta domanda entro la scadenza dei tre anni, alla scadenza di 9 anni, quindi dopo tre riconoscimenti che devono essere consecutivi, l’assegno viene riconosciuto automaticamente.

certificato_unicasim


Cosa fare per bloccare il bancomat: Guida passo a passo

Unicasim: Un nuovo modo di fare consulenza finanziaria