Aston Martin Vanquish: una coupé di lusso da 600 CV

Proposta in due configurazioni – coupé e roadster – l’Aston Martin Vanquish abbina lusso e potenza in un mix che, impreziosito dalla carrozzeria Zagato, sfonda il muro del mezzo milione di euro.

La Aston Martin Vanquish è un modello di coupé sportiva a due porte ad alte prestazioni. La prima serie è stata prodotta tra il 2001 ed il 2007 mentre nel 2012 la Casa di Gaydon ha lanciato la seconda generazione. Quest’ultima, disegnata da Marek Reichman, lascerà il posto alla DBS Superleggera.

Scheda tecnica Aston Martin Vanquish

La Aston Martin Vanquish S è una due porte, coupé, omologata per due posti; è lunga 4.745 mm, è larga 1.910 mm (2.067 mm con gli specchietti retrovisori aperti) ed è alta 1.295 mm mentre l’interasse misura 2.740 mm. La massa a vuoto è di 1.739 kg con una distribuzione del peso al 51% sull’avantreno. Il corpo della vettura è realizzato a partire da una struttura in alluminio estruso e fibra di carbonio (piattaforma modulare VH di IV generazione), quest’ultima usata anche per i pannelli della carrozzeria.

Le sospensioni (sia anteriori che posteriori) sono a ruote indipendenti a doppio braccio con barra antirollio e ammortizzatori adattivi; il sistema viene integrato dall’ADS (Sistema di Ammortizzazione Adattiva) che permette di impostare tre diverse regolazioni: normal, track e sport.

I freni sono costituiti da dischi autoventilanti; all’anteriore misurano 398 mm di diametro e montano sei pistoncini mentre al posteriore sono da 360 mm e sono dotati di quattro pistoncini. L’impianto frenante viene coadiuvato da DSC (Controllo Dinamico della Stabilità), ABS, EBD (ripartitore elettronico di frenata), controllo della trazione, HBA (assistenza idraulica alla frenata) e PTC (Controllo Positivo di Coppia).

La dotazione di serie e gli optional

L’equipaggiamento di serie della Vanquish include – per quanto concerne gli esterni – cerchi in lega da 20” con pattern a dieci razze, splitter e diffusore in fibra di carbonio e calandra Bright Vaned. La dotazione dell’abitacolo comprende rivestimenti in pelle a grana grossa, inserti in Alcantara, volante in pelle e sedili sportivi regolabili elettricamente con airbag laterale. Sul fronte tecnologia e sicurezza, la Vanquish offre  sensori di parcheggio anteriori e posteriori con telecamera posteriore, Cruise Control, sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici, computer di bordo, impianto audio Bang&Olufsen dotato di 13 altoparlanti, navigatore satellitare con HDD (Hard Disk Drive), schermo LCD da 6.5”, connettività Bluetooth, radio DAB, ingresso USB con compatibilità WAF, MPE e WMA.

Sia per la Vanquish coupé sia per la roadster, la Aston Martin offre una vasta gamma di accessori a pagamento. Si va dai cerchi a 10 razze (o con pattern alternativo a 5 razze) con finitura argentata o nero lucido alle pinze dei freni colorate, passando per il cofano nero, le calotte degli specchietti in fibra di carbonio, la griglia anteriore nera, i badge ‘V12’ per il parafango anteriore, inserti in pelle micro forata, cinture colorate, fascia in carbonio satinato o a spina di pesce e diversi pacchetti per un’ulteriore personalizzazione del modello.

Il motore Aston Martin Vanquish

La Aston Martin Vanquish S è sospinta da un V12 benzina da 6.0 litri (5.935 cc di cilindrata) a 48 valvole. Questo propulsore a trazione posteriore è in grado di erogare una potenza di 603 CV a 7.000 giri e una coppia motrice di 630 Nm ad un regime di 5.500 giri al minuto. Il costruttore dichiara una velocità di punta di 323 km/h e un tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h pari a 3.5 secondi. Per quanto riguarda i consumi, questa motorizzazione registra un dispendio di carburante di 19.6 l/100 km in ciclo urbano, 9.3 l in extraurbano e 13.1 l in combinato mentre le emissioni, secondo i dati forniti dalla Aston Martin, sono quantificate in 302 g per km. Il power train comprende una trasmissione Touchtronic III a otto marce con cambio elettronico coadiuvato da un differenziale a slittamento limitato.

La versione ‘Volante’ è equipaggiata con una variante meno potente del V12 che eroga 580 CV mentre la coppia motrice è la stessa, così come i riscontri prestazionali e i dati relativi ai consumi ed alle emissioni.

Aston Martin Vanquish
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/33607628@N02/9052669902

La Aston Martin Vanquish Zagato (2017)

La gamma della Vanquish comprende anche una versione con carrozzeria Zagato, innestata sulla stessa base meccanica delle versioni coupé e roadster, prodotta in una edizione limitata composta da 99 esemplari. Il sodalizio di lungo corso tra i due marchi ha dato vita ad un prodotto di livello assoluto. In una “fusione senza tempo tra classico ed unico” il design richiama quello di un altro modello firmato Zagato (la DB4 GT), soprattutto nella griglia anteriore – con il caratteristico pattern a ‘Z’ – che modifica sensibilmente l’aspetto dell’auto. Il motore resta il V12 da circa 600 CV – una versione potenziata di quello della Volante – ed offre riscontri analoghi agli altri allestimenti della Vanquish.

Il posteriore è la parte che più si discosta dalle versioni ‘regolari’; la carrozzeria Zagato enfatizza l’andamento fast del tetto rendendolo ancora più teso e filante, modellando verso il basso lo spoiler. Altro elemento caratteristico è il tettuccio con la ‘doppia gobba’ che contraddistingue le carrozzerie dell’azienda milanese sin dagli anni Cinquanta, così come le speciali firme luminose dei gruppi ottici posteriori. Più in generale, il corpo della vettura è realizzato utilizzando panelli di alluminio e fibra di carbonio, lavorati a mano per “oltre 2000 ore” – come si legge sul sito del costruttore di Gaydon. Le fiancate sono segnate da aperture a forma di ‘Z’ mentre sul cofano sono presenti due prese d’aria che, assieme allo splitter in carbonio ripreso dalla Vulcan, completano il pacchetto di innesti aerodinamici. Gli interni, altrettanto elaborati, sfoggiano finiture esclusive quali le cuciture a contrasto rosse e nere e il logo Zagato cucito sui poggiatesta.

Listino prezzi Aston Martin Vanquish

Trattandosi di un’auto tanto potente quanto lussuosa, la Vanquish non è un prodotto accessibile a tutte le tasche. Sul sito del costruttore britannico, infatti, il prezzo di attacco della versione coupé è di 293.650 dollari americani (ovvero poco oltre i 260.000 euro) mentre per la versione cabrio viene indicato un costo di 311.650 dollari, che corrispondono a poco meno di 277.000 euro.

Per la Zagato il discorso è leggermente diverso. Poiché si tratta di un’edizione speciale a tiratura limitata, il prezzo d’acquisto si aggira sul mezzo milione di sterline che, al cambio, corrisponde a circa 572.000 euro.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/detalhauto/7415246584

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/33607628@N02/9052669902

ultimo aggiornamento: 12-11-2018

X