Vaccino AstraZeneca, gli effetti collaterali e i sintomi: il foglio illustrativo (o bugiardino) pubblicato sul sito dell’Aifa.

Il secondo rapporto Aifa sulla sorveglianza dei vaccini Covid ci permette di avere una panoramica degli effetti collaterali dei vaccini somministrati in Italia, dei sintomi post-vaccinazione e degli eventi gravi legati alla somministrazione. Si tratta di un documento molto importante soprattutto in un momento di instabilità e paura dopo la decisione dell’Agenzia italiana del farmaco di vietare la somministrazione di un lotto di AstraZeneca per eventi avversi sospetti. Inevitabilmente sulla rete è iniziata la ricerca dei sintomi e degli effetti collaterali legati ad AstraZeneca. Proviamo a fare il punto della situazione.

Covid, vaccino AstraZeneca: effetti collaterali e sintomi

Stando a quanto riferito dall’Aifa, le “segnalazioni riguardano soprattutto il vaccino Pfizer/BioNTech Comirnaty (96%), che è stato il più utilizzato e solo in minor misura il vaccino Moderna (1%) e il vaccino AstraZeneca (3%)“.

Complessivamente al 26 febbraio 2021 nella RNF sono state valutate 30.015 segnalazioni su un totale di 4.118.277 dosi somministrate per tutti i vaccini, con un tasso di segnalazione di 729 ogni 100.000 dosi. Un tasso più elevato di quello che abitualmente si osserva per altre vaccinazioni […] ma coerente con i risultati degli studi clinici e indicativo della speciale attenzione dedicata a questa vaccinazione […]. Il 93,6% delle segnalazioni è riferito a eventi non gravi e risulta in linea con le informazioni già presenti nel Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto dei vaccini“.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali, “per tutti e tre i vaccini gli eventi avversi più segnalati sono febbre, cefalea, dolori muscolari/articolari, dolore in sede di iniezione, brividi e nausea (il 93% delle segnalazioni)“.

“La frequenza cumulativa di segnalazioni non è differente tra prima e seconda dose per i vaccini Pfizer e Moderna, mentre per il vaccino AstraZeneca non vi sono ancora iniezioni di seconde dosi previste dopo 12 settimane”, prosegue l’Aifa nel suo rapporto.

Vaccino
Vaccino

Dopo quante ore emergono gli effetti collaterali?

Generalmente le reazioni avverse vengono registrate poche ore dopo la somministrazione del vaccino.

“Gli eventi segnalati sono insorti prevalentemente lo stesso giorno della vaccinazione o il giorno successivo (87% dei casi)“.

Il bugiardino del vaccino AstraZeneca

Sul sito dell’Aifa è pubblicato il foglio illustrativo – o bugiardino – del vaccino AstraZeneca.

“Come tutti i medicinali, questo vaccino può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino […]. Tali reazioni possono includere una combinazione di uno qualsiasi dei seguenti sintomi:

sensazione di svenimento o stordimento
cambiamenti nel battito cardiaco
fiato corto
respiro sibilante
gonfiore delle labbra, del viso o della gola
orticaria o eruzione cutanea
nausea o vomito
mal di stomaco.

Gli effetti indesiderati molto comuni sono:

dolorabilità, dolore, calore, prurito o lividi nel punto in cui viene praticata l’iniezione
sensazione di stanchezza (affaticamento) o sensazione di malessere generale
brividi o sensazione di febbre
mal di testa
sensazione di malessere (nausea)
dolore alle articolazioni o dolore muscolare

Gli effetti indesiderati Comuni

gonfiore o arrossamento nel punto in cui viene praticata l’iniezione
febbre (>38°C)
malessere (vomito) o diarrea

Effetti indesiderati Non Comuni

sonnolenza o sensazione di vertigini
diminuzione dell’appetito
ingrossamento dei linfonodi
sudorazione eccessiva, prurito o eruzione cutanea

Vaccino
Vaccino

AstraZeneca e il lotto ABV2856

L’11 marzo l’Aifa ha vietato la somministrazione del vaccino AstraZeneca per quanto riguarda le dosi del lotto ABV2856. La decisione è stata assunto a scopo precauzionale in seguito alla segnalazione di alcuni eventi avversi gravi.

TAG:
coronavirus primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 12-03-2021


Lockdown di Pasqua, Italia zona rossa dal 3 al 5 aprile

Vaccino Covid, AstraZeneca taglia (di nuovo) le dosi all’Ue