Il duro attacco di Zelensky a Draghi. Il presidente ucraino: “La prossima volta sposterò l’agenda per parlare”.

KIEV (UCRAINA) – Il duro attacco di Zelensky a Draghi. Il presidente ucraino ha criticato sui social il comportamento avuto dal presidente del Consiglio italiano in questi ultimi giorni: “La prossima volta cercherò di spostare l’agenda bellica per discutere con Mario Draghi ad un’ora precisa“, ha scritto sui social il premier ucraino.

Questa mattina alle 10:30 agli di Chernihiv, Hostomel e Melitopol ci sono stati pesanti combattimenti. Le persone sono morte. Nel frattempo, l’Ucraina continua a lottare per il suo popolo“, ha aggiunto il presidente ucraino.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Ucraina, braccio di ferro tra Zelensky e Draghi

Le parole di Zelensky su Draghi hanno dato vita ad un braccio di ferro. Non è escluso nelle prossime ore un chiarimento tra i due per cercare di chiarire meglio questa lite e provare ad abbassare i toni in un momento non semplice per il Paese.

Una vicenda che ha sicuramente ancora diversi punti di chiarire e molto probabilmente servirà un incontro tra i due leader per cercare di verificare meglio l’accaduto e provare a far ritornare i toni più bassi in un momento non sicuramente facile per l’Ucraina.

Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky

La situazione in Ucraina

La situazione in Ucraina continua ad essere in evoluzione. Zelensky non ha nessuna intenzione di mollare e nei prossimi giorni vedremo se continuerà questa resistenza oppure dovrà fare un passo indietro per gli attacchi della Russia.

Una vicenda destinata ad avere delle importanti novità e capiremo meglio in futuro se alla fine ci sarà una situazione sicuramente diversa oppure si continuerà su questa strada di un conflitto, che rischia di penalizzare solamente i cittadini.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 25-02-2022


Draghi, “Il ritorno della guerra in Europa non è accettabile. Siamo pronti a sanzioni più severe”

Draghi, “Potrebbe essere necessario riaccendere le centrali a carbone”