L’attico di Gucci acquistato da un magnate indiano. Il prezzo resta top secret, ma si parla di 20 milioni di euro.

MILANO – L’attico di Gucci di Milano è stato acquistato da un magnate indiano. Come riportato dal Correre della Sera, l’appartamento in San Babila è diventato di proprietà dell’indiano Rishal Shah, fondatore e proprietario della società Jekson Vision, con una multinazionale con sede in diversi Paesi.

Un acquisto rimasto top secret. La trattativa è andata avanti fuori dalla luce dei riflettori e si è conclusa nei giorni scorsi. Nessuna indicazione sulla cifra, ma le prime indiscrezioni parlano di 20-30 milioni di euro.

L’avvocato La Scala: “L’acquirente si è presentato da solo”

Tra le persone che si sono occupati di questa vendita anche l’avvocato Giuseppe La Scala: “L’acquirente si è presentato da solo senza neanche l’intermediazione di un agente immobiliare – ha spiegato il legale – ha saputo della casa grazie al tam tam delle sue amicizie e ha fatto l’offerta per quella che diventerà la sua abitazione“.

Nessuna conferma ufficiale sui motivi di questo acquisto. Le prime indiscrezioni, però, parlano di una intenzione di aprire una sede della sua multinazionale proprio in Lombardia.

Gucci
fonte foto https://www.facebook.com/GUCCI

Il superattico di Gucci

Il superattico è stato protagonista della vita di Vittorio Gucci e la moglie Patrizia Reggiani prima del trasferimento in via Palestro. Un appartamento di 1.800 metri quadrati tra il nono e il decimo piano.

Sono 37 le vetrate presenti e negli anni successi si è aggiunto anche l’undicesimo piano con il lastrico solare diventato un giardino pensile con piscina panoramica e torretta per vedere tutta Milano. Un attico che, secondo alcune indiscrezioni è stato protagonista della vita mondana di Milano in passato e si prepara ad essere ancora una volta al centro del capoluogo lombardo dopo anni di assenza per il trasferimento della famiglia Gucci in via Palestro.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/GUCCI


La nuova Alitalia: flotta da 45 aerei e dipendenti che passeranno da 10.500 a 3mila

Antitrust, multa a Telepass per pratica commerciale scorretta