Automobilisti multati a Francavilla per aver circolato con i vetri delle loro vetture lesionati dalla grandine. Sanzioni che arrivano a 335 euro.

FRANCAVILLA AL MARE (CHIETI) – Dopo il danno, la beffa. Gli automobilisti sono stati multati a Francavilla al Mare, paesino in provincia di Chieti, per aver girato con i delle loro vetture lesionati dalla grandine che ha colpito la città nelle scorse settimane.

Una decisione che ha provocato non poche polemiche in tutta la Regione. Come raccontato da Il Centro, le parti sono al lavoro per ridurre al minimo queste sanzioni ma la situazione continua ad essere in continua evoluzione.

Automobilisti multati a Francavilla

La vicenda è stata riportata da Il Centro. Il giornale precisa come l’articolo 79 del codice della strada prevede una multa che può andare da 84 a 335 euro per chi viaggia con un veicolo non a norma. E i vetri lesionati fanno parte di quei punti che possono portare ad una sanzione molto salata.

Ma questa volta la responsabilità non è solo degli automobilisti e per questo si sta cercando di trovare una soluzione. I casi di estrema urgenza sono tollerati ma dall’altro le autorità locali hanno chiesto ai cittadini di riparare il prima possibile i danni per non creare ulteriori incomprensioni.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Alluvione maltempo
Alluvione maltempo

Slittato il termine dell’inserimento dei dati sui danni provocati dal nubrifagio

Dopo il forte nubifragio che ha colpito l’Abruzzo, il Dipartimento governo del territorio ha fatto slittare al 31 luglio il termine dell’inserimento dei dati sui danni provocati dal nubifragio: “Si tratta – si legge sul sito della Regione riportato da Il Giornale di una decisione che scaturisce dalle difficoltà rappresentati da numerosi Comuni di rispettare l’iniziale scadenza del 22 luglio per la segnalazione di situazioni di criticità. Lo spostamento è dovuto alla necessità di poter giungere alla definizione di un quadro compiuto degli scenari di danno soprattutto in riferimento all’elevato numero di soggetti privati coinvolti“.


Manifestazione No Tav in Val Susa: incendi e razzi contro la polizia

Papa Francesco: “Dobbiamo essere premurosi e pronti nell’ospitalità”