Una bambina di sette mesi è morta dopo il ricovero in ospedale ad Avellino. La Procura ha aperto un’inchiesta.

AVELLINO – Una bambina di sette mesi è morta dopo il ricovero in ospedale ad Avellino. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di un decesso avvenuto per soffocamento. Sono in corso tutti gli accertamenti del caso.

La Procura ha aperto un’indagine e disposto il sequestro della salma per effettuare tutti gli approfondimenti. Possibile l’autopsia per verificare le cause del decesso.

Bambina di sette mesi morta dopo il ricovero

Una morte che ha ancora diversi punti da chiarire. Secondo quanto riportato dall’Ansa, la piccola era arrivare all’ospedale Moscati di Avellino in condizioni molto gravi. I medici hanno provato a fare tutto il possibile per salvarle la vita, ma il quadro clinico era ormai compromesso e il decesso è avvenuto per arresto cardiocircolatorio.

La bambina era stata portata al pronto soccorso dal papà e dalla madre, una coppia di Serino. I genitori, ascoltati dagli inquirenti, hanno parlato di un malore mentre stava mangiando. Una corsa in ospedale e la tragedia. I medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della piccola.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Ipotesi soffocamento

La Procura ha aperto un’inchiesta per ricostruire meglio quanto successo. L’ipotesi più probabile, secondo quanto raccontato dall’Ansa, sembra essere quella di una morte avvenuta per soffocamento. Approfondimenti in corso e disposto il sequestro della salma e dei dati clinici per accertare le cause del decesso.

Diversi i punti da chiarire in questa vicenda. Al momento nessuna persona risulta essere iscritta sul registro degli indagati. I genitori sono stati ascoltati e potrebbero essere sentiti ancora una volta nelle prossime ore. Una vicenda avvenuta poche ore dopo l’arresto nel Comasco di un uomo per aver maltrattato la figlia della compagna.


Cina, tratti in salvo 11 dei 22 minatori intrappolati nello Shandong, a seicento metri di profondità

Papa Francesco: “Un amore senza libertà non è amore”