Un bambino di tre anni è caduto in un pozzo a Roma nella giornata di sabato 12 giugno. Il piccolo è stato salvato dai vigili del fuoco.

ROMA – Attimi di apprensione a Roma per le sorti di un bambino di tre anni caduto in pozzo nella giornata di sabato 12 giugno. Un’ora di lavoro da parte dei vigili del fuoco per portare in superficie il piccolo. I medici hanno deciso di portarlo per precauzione in ospedale ma le sue condizioni sono buone e presto è atteso dai genitori a casa.

I carabinieri stanno effettuando tutti gli accertamenti del caso per ricostruire meglio la dinamica. La pista più probabile sembra essere quella di un incidente.

Bambino precipita in un pozzo a Roma

La ricostruzione della vicenda è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni riportate da Fanpage, il piccolo è sfuggito dal controllo del padre e, per motivi ancora da accertare, è finito in un pozzo profondo 3 metri all’interno di un cantiere.

E’ stato proprio il genitori a chiamare i vigili del fuoco per mettere in salvo il figlio. Le operazioni dei pompieri sono durate circa un’ora. Sul posto anche i carabinieri per cercare di ricostruire meglio quanto successo ed accertare la dinamica dell’incidente.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Come sta il bambino

Il bambino è in buone condizioni. Il piccolo è stato estratto dai vigili del fuoco e trasportato in ospedale per precauzione. I medici lo sottoporranno a tutti i controlli del caso e presto il bimbo tornerà a casa dai genitori.

Tanta paura per lui e per il padre ma fortunatamente non ci sono stati particolari problemi per il bambino. La ricostruzione di questo incidente è al vaglio dei carabinieri anche se l’ipotesi più probabile sembra essere quello di un tragico incidente. E nelle prossime ore potrebbe essere ascoltato il padre del piccolo.


“Bisogna isolare lo scimpanzé”, la prof chiama così un suo alunno di origine africana. Il padre sporge denuncia ai carabinieri

Dati dei vaccini in mano agli hacker: “Oltre 7 milioni di profili di italiani in vendita sul web”