Un bambino di un anno è morto in provincia di Teramo dopo essere precipitato dal balcone. Indagini in corso.

MARTINSICURO (TERAMO) – Un bambino di un anno è morto in provincia di Teramo dopo essere precipitato dal balcone nella serata di giovedì 10 giugno. Secondo quanto riportato da Il Messaggero, il piccolo sarebbe sfuggito al controllo dei genitori, di origine straniera, e precipitato giù dal terzo piano.

Immediata la chiamata ai soccorsi. Il personale medico, però, non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Sulla vicenda è stata aperta un’indagine per accertare la dinamica di quanto successo.

Dramma a Martinsicuro, morto un bambino di un anno

La tragedia è avvenuta nella serata di giovedì 10 giugno. La ricostruzione è ancora al vaglio degli inquirenti e nessuna pista è esclusa. Secondo le prime informazioni, il bambino sarebbe sfuggito dal controllo dei genitori e precipitato dal terzo piano della palazzina.

Immediata la chiamata ai soccorsi, ma il personale medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso. Sono in corso tutti gli approfondimenti del caso e nelle prossime ore gli inquirenti ascolteranno i genitori per ricostruire meglio gli ultimi istanti prima della tragedia.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Le indagini

Le indagini sono ancora in corso e nessuna ipotesi è esclusa anche se la pista più probabile resta quella di un tragico incidente avvenuto in una sera di inizio estate. Il piccolo sarebbe morto sul colpo per la caduta. Una tragedia che ha sconvolto l’intera cittadina abruzzese.

Gli abitanti si sono stretti al dolore dei genitori del piccolo bambino di un anno e presto ci saranno importanti novità su questa vicenda. I punti da chiarire sono ancora diversi anche se l’ipotesi di un tragico incidente è quella più seguita dagli inquirenti e presto ci potrebbero essere importanti novità.


Omicidio-suicidio nel Torinese, 70enne spara alla moglie e poi si toglie la vita

AstraZeneca e trombosi, l’Aifa: i sintomi da segnalare al medico. Seconda dose, per chi ci sono controindicazioni