I punti da chiarire nella storia a lieto fine del bambino scomparso nei boschi del Mugello: le scarpe, la distanza e il luogo del ritrovamento.

È una storia a lieto fine quella di Nicola, il bambino di due anni scomparso nei boschi del Mugello e ritrovato da un giornalista della RAI dopo una nottata di ricerche. Ma sono ancora tanti i punti da chiarire.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Dalle scarpe all’allarme in ritardo: i punti da chiarire nella storia del bambino scomparso nei boschi del Mugello

L’ipotesi più probabile è che il piccolo Nicola si sia allontanato da solo dalla sua abitazione. Svegliatosi nel corso della notte si sarebbe allontanato e poi si sarebbe perso.

Le scarpe ai piedi

Uno dei punti da chiarire riguarda le scarpe. Quando è stato ritrovato il bambino aveva le scarpe ai piedi. Le aveva dalla sera prima e non le aveva tolte quando è andato a letto? O le ha indossate da solo quando si è allontanato da casa? Il padre ha fatto sapere che hanno deciso di mettere il bambino a letto con le scarpe per evitare di svegliarlo.

Il luogo del ritrovamento e i cani molecolari

Il secondo punto interrogativo è quello legato al luogo del ritrovamento. Il piccolo Nicola è stato trovato in una scarpata a tre chilometri di distanza circa dalla sua abitazione. In una zona che era stata battuta dai cani molecolari, che al loro passaggio non hanno fiutato nulla. Il carabiniere che lo ha recuperato ha fatto sapere di ritenere che il piccolo non abbia dormito nella scarpata, che potrebbe aver raggiunto passando per il bosco.

L’allarme

Secondo le prime ricostruzioni, i genitori si sarebbero accorti della scomparsa del bambino intorno alla mezzanotte ma avrebbero contattato le forze dell’ordine e i soccorritori solo intorno alle nove del mattino. Quindi nove ore dopo.

La macchia di sangue

Stando a quanto riferito da diversi media, vicino alla porta di casa gli inquirenti hanno trovato tracce di sangue. Resta da capire di chi sia il sangue e come mai fosse vicino alla porta.

Ambulanza
Ambulanza

“Si è allontanato da solo”

Stando alle prime ipotesi, il bambino si sarebbe allontanato da solo in maniera autonoma. Gli inquirenti proveranno a ricostruire gli spostamenti del piccolo per fare definitivamente luce sulla vicenda.

Anche il fratello si allontanò

Come emerso nel corso delle indagini e come riferito dall’Ansa, anche il fratello di 4 anni si sarebbe allontanato da casa lo scorso anno. In quell’occasione il caso si risolse senza l’intervento degli uomini delle forze dell’ordine. Ma ora gli inquirenti potrebbero tornare sul caso per fare luce sull’episodio.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 24-06-2021


Colpo di scena sulle origini del Covid: scienziato recupera le sequenze cancellate

Mark Hoppus, “Ho il cancro”. L’annuncio del cantante dei Blink-182