Una nuova base Ryanair è stata inaugurata a Torino. Appendino: “Un traguardo inseguito per oltre 15 anni”.

TORINO – Una nuova base Ryanair è stata inaugurata a Torino. La compagnia aerea ha deciso di ‘scommettere’ sul capoluogo piemontese e da qui la decisione di dare vita ad un nuovo progetto per poter aumentare le tratte dall’aeroporto di Caselle.

L’obiettivo è quello di poter soddisfare tutte le richieste in arrivo da parte dei propri clienti e per questo si è deciso di aprire nuova base aerea.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Base aerea Ryanair a Torino Caselle, le nuove rotte

Come riportato dai media locali, con questa nuova base aerea sono 16 le nuove rotte che faranno parte dell’aeroporto piemontese che si vanno aggiungere a tutte le altre già presenti. Ad oggi da Torino si può raggiungere città come Londra, Barcellona, Atene, Madrid, Parigi, Bruxelles e tante altre.

Per quanto riguarda, invece, quelle nazionali ci sono Bari, Brindisi, Catania, Lamezia Terme, Palermo, Pescara e Trapani. Si tratta di un passaggio sicuramente importante per poter rilanciare l’economia a mettersi alle spalle un momento difficile dovuto alla pandemia. E non si esclude in futuro da parte di Ryanair di proseguire il proprio percorso di espansione a Torino Caselle.

Aereo
Aereo

La soddisfazione di Chiara Appendino

L’ex sindaca Chiara Appendino si è detta soddisfatta per “un traguardo inseguito per diversi anni […]. La città è sempre più bella e più attrattiva e con questa scelta si è ritagliata un posto al centro del Vecchio Continente e del mondo, ma adesso bisogna cercare di mantenerlo e per questo dobbiamo continuare a sostenerlo nel nostro aeroporto […]. Devono farlo le istituzioni ma anche tutti i cittadini“.

La mia prima vacanza all’estero dopo questi cinque anni – ha aggiunto – ho scelto di farla proprio in una delle nuove destinazioni messe a disposizione dalla compagnia aerea con la base“.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 04-11-2021


Cop26, i livelli di inquinamento da CO2 tornano a quelli registrati prima della pandemia

Dalla sanità ai servizi locali, cosa prevede il decreto Concorrenza