Il direttore del reparto Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, Matteo Bassetti, ha pubblicato un tweet che fa discutere.

La mascherina è uno dei punti di conflitto più grandi, legati alla situazione della pandemia nel mondo. Se all’inizio moltissimi individui decidevano di non seguire le linee guida del proprio stato – basti pensare all’Olanda, dove nessuno metteva mascherine al supermercato prima che fossero obbligatorie – col tempo, ci si è adeguati alla difficile situazione del Covid nel mondo. Ebbene, ora la mascherina è stata resa non più obbligatoria per gran parte delle attività al chiuso, come negozi, bar e supermercati. Ma non tutti sono d’accordo con questa scelta. Ci siamo abituati alle mascherine a tal punto che ci sentiamo “non protetti” nel momento in cui qualcuno non la indossa? Potrebbe essere. Il virologo Matteo Bassetti, da tempo contrario alle mascherine come misura di prevenzione dei contagi, ha espresso un’opinione polemica a riguardo tramite un tweet. Scopriamo cos’ha detto.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il tweet del virologo

“Entri al supermercato senza mascherina e vieni guardato come un bandito pronto a fare una rapina. Che tristezza… Dobbiamo lavorare per ricostruire coscienze devastate e percezioni errate del rischio infettivo”. Questo il polemico tweet di Matteo Bassetti, direttore del reparto Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova. Le parole del genovese fanno discutere in quanto è capitato a tutti, probabilmente, di trovarsi da una parte o dall’altra della discussione. È difficile provare indifferenza rispetto all’argomento della salute collettiva: la posizione assunta, nella maggior parte dei casi, sarà pro o contro le mascherine, considerando lo stato attuale delle cose.

Mascherina Ffp2
Mascherina

È altresì difficile stabilire chi ha torto e chi ha ragione. Nel momento in cui una misura restrittiva delle libertà individuali, volta però a garantire la salute collettiva, viene eliminata, non è un errore volersi riprendere la libertà di circolare senza indossare una mascherina. È altrettanto vero, però, che ognuno può sentirsi libero di giudicare le azioni altrui come irresponsabili o non necessarie, specie considerando il periodo difficilissimo che stiamo vivendo da due anni a questa parte, a causa della pandemia, acuito ancor di più dalla guerra attualmente in corso in Ucraina.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-05-2022


Dal 16 maggio stop alle mascherine in aereo: la reazione di Pregliasco

Effetto pandemia: “emergenza salute mentale” tra i minorenni