Il garante dei 5 stelle si scaglia contro chi è “caduto” o è stato “contagiato”.

Non ci sarà nessuna deroga al Movimento 5 stelle sul doppio mandato. Alle prossime elezioni ci saranno molti addii di parlamentari fedelissimi del M5s tra cui il presidente della Camera. Ha prevalso la linea di Beppe Grillo che aveva posto l’ultimatum a Conte su questa regola. Nel frattempo continuano a cadere stelle tra cui il draghiano Davide Crippa che lascia il Movimento che sarà seguito dal ministro D’Incà.

Sul doppio mandato Grillo scrive sul suo blog: “Sapevamo fin dall’inizio di dover combattere contro zombie che avrebbero fatto di tutto per sconfiggerci o, ancor peggio, contagiarci. E così è stato: alcuni di noi sono caduti, molti sono stati contagiati. Ma siamo ancora qui”. Poi continua scrivendo: “Non esiste un vento favorevole per chi non sa dove andare, ma è certo che per chi va controcorrente il vento è sempre sfavorevole.” Grillo ringrazia chi combatte e chi ha combattuto contro gli zombie di cui Roma è schiava.

“E alla fine vinceremo, perché abbiamo la forza della nostra precarietà: siamo qui per combattere, non per restare, e questa nostra diversità è spiazzante per gli zombie” dice concludendo con una chiamata alla battaglia.

Beppe Grillo Movimento 5 Stelle
Beppe Grillo

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Grillo prevale su Conte

Giuseppe Conte nega che il fondatore del Movimento si sia imposto anche su di lui. Ma questa regola del doppio mandato avrà ripercussioni anche su di lui perché tutto il cerchio magico dei fedelissimi di Conte ormai non ci sarà più. “Di certo si tratta di una regola fondativa: ne capisco la filosofia e comprendo la posizione di Grillo, che è il custode dei princìpi. Pubblicamente avevo aperto alla possibilità di una consultazione in Rete degli iscritti sul tema, ma la politica non può essere un mestiere“, si autoconvince il leader dei 5 stelle.

“Poi la deroga solo per alcuni rischiava di innescare una logica da ‘fedelissimi di Conte’, mentre io voglio solo fedelissimi del M5S. In questi brutti giorni in cui abbiamo ministre che cambiano bandiera per Calenda noi diamo un segnale rivoluzionario al Paese di coerenza e di rispetto degli impegni” conclude Conte.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-07-2022


Casini: “Salvini sprovveduto”

Calenda: “Con il Centro o con il Pd, entro lunedì la scelta”