Tutti si affollano verso l’area del centro ma il leader di Forza Italia interviene per riprendersi il posto.

Il centro è sempre più presente nella cronaca politica in vista delle elezioni politiche 2023. Tra populisti e sovranisti in molti scappano dagli estremisti per collocarsi lontano. C’è chi propone un’area draghiana come Calenda e Renzi, chi sfugge dal suo partito come Di Maio e i governatori e sindaci come Sala e Toti. Proprio quest’ultimo ha inaugurato a Roma un nuovo cantiere ma viene presto gelato da Berlusconi.

Italia al centro, il nuovo partito di Toti si propone di scardinare il bipolarismo, un po’ come è nelle intenzioni della federazione di +Europa e Azione quel terzo polo per togliere voti agli estremi di destra e di sinistra. Dopo quest’ultima iniziativa Silvio Berlusconi decide di rivendicare il suo primato centrista diffondendo un video.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Forza Italia rappresenta l’area centrista, ma solo per Berlusconi

Il presidente di Forza Italia dice: “Ho letto che si riunisce un cantiere per costruire il Centro del Paese. Vorrei ricordare a questi signori e a tutti i cittadini che il Centro siamo noi. Il centro è Forza Italia, che in Italia è un partito indispensabile perché costituisce la testimonianza e la continuazione della tradizione liberale, cristiana, garantista, europeista dei principi e dei valori della società occidentale“.

Ma non si fa spaventare Toti che riconosce a Berlusconi di essere un “punto di riferimento per il Centro ma che oggi ne rappresenta solo un pezzettino” e tranquillizza sul fatto che Forza Italia resta un interlocutore disponibile al confronto. Ma molti hanno pensato che questo video messaggio del Cavaliere sia indirizzato proprio ai suoi forzisti i più insofferenti verso la base del partito, quelli più moderati spinti verso il centro come Gelmini e quelli insofferenti di un inattuale bipolarismo come Brunetta.

Tra gli ospiti di Toti anche Azione e Italia Viva ma il governatore ligure pensa anche a Sala e Luigi Di Maio. Il progetto del Grande Centro sta diventando sempre più un’opportunità.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-07-2022


La Russa: “Legge elettorale proporzionale con premio? Non ci fidiamo”

Raggi e Di Battista agitano il M5s