L’esponente di FdI Ignazio La Russa ha commentato la proposta di legge elettorale proporzionale con premio di maggioranza.

Ignazio La Russa, volto noto di Fratelli d’Italia, ha parlato della proposta di rendere la legge elettorale proporzionale con il premio di maggioranza. Che ne pensa il veterano della politica italiana di questa proposta? Queste le parole di La Russa in merito alla proposta.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le dichiarazioni dell’esponente di FdI

Rispetto alla domanda legata ai contatti tra il Partito democratico e Fratelli d’Italia sulla riforma, Ignazio La Russa ha commentato: No, non ci sono contatti. Noi stiamo monitorando con attenzione quello che fanno gli altri e abbiamo chiarito molto bene che, anche se si partisse con un testo tutto sommato non da scartare, poi non si sa come si va a finire.

Nel dettaglio, il politico ha parlato dei dettagli della proposta. Sento di un proporzionale con il premio di maggioranza. Sarebbe anche accettabile. Anzi, era la mia proposta che venne bocciata da tutti quelli che votarono a favore del Rosatellum ed ora sono gli stessi che vogliono cambiarlo”. Quali furono i risultati? “Io dall’opposizione, allora ero l’unico esponente di Fdi in commissione Affari Costituzionali, presentai un emendamento per inserire un premio di maggioranza nel Rosatellum. Tutti votarono contro. Non volevano il premio, forse pensavano già un governissimo…”.

Elezioni Coronavirus
Elezioni

La Russa ha però asserito di non fidarsi: Ci hanno messo 5 anni a capire che quella era la strada giusta per una dare un governo stabile. Ma in certe cose, si sa da dove si parte ma non si sa dove si arriva… E noi non ci fidiamo. Allora, visti i guai che questo governo non sa affrontare, la cosa migliore è andare a votare, farlo il prima possibile e con l’attuale legge elettorale. Noi la pensiamo così”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 08-07-2022


Conte: “Governo? Pretendiamo cambio di passo immediato”

Berlusconi rivendica: “Il centro è mio”