Bottiglie di vodka e Lambrusco: per la Commissione europea, quella di Berlusconi è una violazione alle sanzioni imposte alla Russia dall’Ue.

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in queste ultime settimane è stato protagonista di alcune vicende che hanno suscitato non poco scalpore e indignazione all’interno del panorama politico italiano e internazionale. Tra i gesti discutibili messi in atto dal Cavaliere, quello sui presunti scambi di regali tra lui e lo zar Vladimir Putin.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La violazione

Si tratterebbe di bottiglie di vodka e Lambrusco. “Secondo la Commissione europea è una violazione”. Sono queste le parole della deputata democratica Lia Quartapelle durante un’interrogazione parlamentare. Alla luce di queste indiscrezioni, sia la maggioranza parlamentare che le maggiori istituzioni europee si sono allarmate. Anche il Partito popolare europeo vuole il Cavaliere a casa.

Anche il Partito popolare europeo vuole Berlusconi a casa

Il vicepresidente del Partito popolare europeo, Paulo Rangel, sulle dichiarazioni del Cavaliere: “Le parole di Berlusconi sono tristi per gli europei che soffrono per la tirannia di Putin.” Tramonta quindi l’era Berlusconi: “Dichiarata l’incompatibilità. Berlusconi pare dedito non alla sopravvivenza di Forza Italia, bensì alla sua distruzione. Il centrodestra non può permettersi una figura come Berlusconi”, dice Randella.

Secondo Bruxelles, lo scambio di regali tra i due vecchi amici potrebbe costituire una vera e propria violazione delle sanzioni imposte alla Russia, in quanto risulta Paese aggressore nel conflitto con l’Ucraina. Proprio per questo motivo, il gesto del leader Forza Italia potrebbe avere anche delle ripercussioni legali.

Silvio Berlusconi

Comunque, nonostante la questione legale sia stata sollevata da Bruxelles, sarà il governo italiano a dover verificare l’eventuale violazione commessa dal leader di Forza Italia. Il Partito democratico si è già mosso con la deputata Lia Quartapelle. Quest’ultima ha annunciato una interrogazione parlamentare.

Anche secondo il Partito democratico il Cavaliere deve essere sanzionato, in quanto “non ci sono eccezioni per i regali”. La deputata Pd Lia Quartapelle ha definito le parole di Berlusconi “gravissime”. Le sue parole: “Secondo la Commissione europea il regalo delle 20 bottiglie di vodka da Putin a Berlusconi è una violazione delle sanzioni. Presenterò una interrogazione parlamentare per chiedere al governo italiano come intende reagire a questa violazione delle sanzioni contro la Russia”. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-10-2022


Governo Meloni: i nomi in bilico e le sorprese

Meloni: Macron e Zelensky i primi incontri da premier