Il presidente designato di Confindustria Bonomi sulla fase 2: “Sta funzionando male, molto male, ma lo sapevamo purtroppo”.

Ospite a Piazza Pulita, in onda su La7, il presidente designato di Confindustria Carlo Bonomi ha parlato della fase 2 rinnovando le critiche che già nelle scorse settimane aveva mosso al governo.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Bonomi (Confindustria) sulla fase 2: “Sta funzionando molto male”

Nel corso del suo intervento Bonomi ha parlato della fase 2 della gestione dell’emergenza coronavirus criticando le decisioni del governo e le misure messe in atto dall’esecutivo.

“L’inizio della Fase 2 sta funzionando male, molto male […]. Ma lo sapevamo purtroppo, noi da cinque settimane stavamo chiedendo il metodo ma non ci hanno ascoltato. Oggi lo abbiamo affrontato così: il 4 maggio abbiamo riaperto assumendoci tutte le responsabilità perché viviamo la disperazione di quegli imprenditori, grandi e piccoli, e viviamo l’angoscia con i nostri collaboratori all’interno delle imprese”.

Carlo Bonomi
fonte foto https://www.facebook.com/Assolombarda/

La delusione degli industriali: “Il governo deve essere arbitro in un rapporto di relazioni industriali”

Il presidente designato ha parlato anche della delusione per le iniziative del governo, che non hanno ancora avuto effetti concreti.

“Siamo molto delusi perché le risorse sono state messe, 55 miliardi, ma non arrivano gli effetti […]. Il governo deve essere arbitro in un rapporto di relazioni industriali, quando pensa di diventare anche giocatore allora c’è qualcosa che non funziona”.

“Il nuovo diritto permette una serie di tecnicismi, uno per tutti, si permette l’entrata nei capitali delle aziende lasciando però la gestione operativa agli imprenditori”.

Scarica QUI il testo del Decreto Cura Italia per conoscere le norme a sostegno delle famiglie e delle imprese.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 08-05-2020


Eurogruppo vicino all’accordo sul Mes

Cassa integrazione estesa a 12 settimane e bonus baby sitter a 1.200 euro, cosa prevede il decreto ‘Rilancio’