Nel decreto caro-enegergia il governo ha inserito anche il bonus benzina: come funziona, cos’è e come ottenerlo.

I primi mesi del 2022 per gli automobilisti italiani sono stati molto dispendiosi soprattutto per via degli aumenti del prezzo del carburante: dalla benzina al diesel passando per il gasolio. Ecco perché a marzo il governo è intervenuto in due modi: con il taglio delle accise per i carburanti, che hanno permesso di abbassare di alcuni centesimi al litro il prezzo della benzina ma anche attraverso i buoni carburanti o anche bonus benzina. Cosa sono? Come funzionano? Chi può richiederli e come si fa a ottenerli? In questo articolo rispondiamo a tutte queste domande.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Bonus benzina: cos’è

Iniziamo con il vedere cos’è il bonus benzina. E’ un buono carburante dal valore massimo di 200 euro che non concorre alla formazione del reddito, è quindi esentasse. I bonus possono essere ceduti direttamente dalle aziende private ai propri lavorati a titolo gratuito, si può quindi definire il bonus benzina come un voucher aziendale per contrastare l’aumento dei prezzi del carburante.

pompe di benzina
pompe di benzina

Il decreto legge approvato dal governo spiega che è stata prevista una spesa di 9,9 milioni di euro per il 2022 per i bonus carburante.

Bonus benzina: chi può averlo

Possono quindi beneficiare del bonus benzina di un valore massimo di 200 euro solamente i lavoratori dipendenti nel settore privato indipendentemente dall’ISEE, non ci sono infatti limitazione dovute al reddito per l’assegnazione di questi bonus carburante una tantum. E non ci sono neanche limitazioni dovuto al proprio ruolo e al tipo di lavoro svolto all’interno dell’azienda.

L’unica limitazione, come detto, riguarda il tipo di lavoro: lavoratori pubblici, come per esempio gli impiegati statali, o i liberi professionisti sono quindi al momento esclusi da questi buoni carburanti.

Bonus benzina: come richiederlo

Come richiedere il bonus benzina? Non essendo direttamente lo Stato a elargire il bonus ai lavoratori, non ci sono moduli da compilare e inviare per poter ricevere l’importo massimo di 200 euro previsto per ottenere questo buono carburante.

E’ infatti ogni singola azienda privata a decidere in maniera autonoma se e in che misura concedere questo bonus ai propria dipendenti (ricordiamo che non ci sono neppure limitazioni riguardo al ruolo svolto). Non c’è alcuna domanda da presentare.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-03-2022


F1, Alpha Tauri, Gasly: “Mi sentivo morire in macchina”

F1, Mercedes, Wolff: “Penso che ora non sia necessario puntare il dito”