Un bonus ai dipendenti Ferrari se vanno al lavoro in bici. L’iniziativa entra nel progetto ‘Bike to work’.

MARANELLO (MODENA) – Un bonus ai dipendenti Ferrari se vanno al lavoro in bici. E’ questa, come riferito da La Repubblica, la nuova scommessa della casa di Maranello per combattere l’inquinamento. L’azienda ha deciso di dare circa 50 euro al mese ai lavoratori se sostituiscono la propria auto con il mezzo a due ruote.

L’iniziativa rientra nel progetto Bike to work sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna per cercare di contrastare l’inquinamento ambientale. Nelle prossime settimane potrebbero esserci dei primi risultati e non si esclude la possibilità di un prolungamento in futuro. E si valuta anche la possibilità di aumentare il bonus destinato ai dipendenti.

Il bonus

Il bonus è stato deciso dall’azienda per incentivare i dipendenti ad andare al lavoro in bicicletta. La Rossa è pronta a mettere sul conto corrente dei lavoratori 20 centesimi per ogni chilometro percorso, fino a 50 euro al mese che saranno erogati dalla Regione tramite il Comune.

Il progetto è stato fortemente voluto dal governatore Bonaccini e dalla sua squadra per poter raggiungere l’obiettivo di rendere l’ambiente meno inquinato. In futuro anche altre aziende potrebbero decidere di ‘sposare’ questo nuovo progetto e la Ferrari sembra essere intenzionata a prorogare la decisione in futuro.

Ferrari
fonte foto https://www.facebook.com/Ferrari/

Maranello: “La Ferrari si dimostra sensibile ai temi ambientali”

La decisione è stata commentata con molta soddisfazione anche dal sindaco di Maranello Luigi Zironi: “La scelta della Ferrari – ha detto il primo cittadino – dimostra come un intero territorio, in tutte le sue componenti, sia oggi sensibile ai temi ambientali. Tutti collaboriamo per raggiungere una migliore qualità della vita“.

Un progetto, come detto, destinato a coinvolgere anche altre aziende. E la Ferrari si candida ad essere tra le promotrici di questa iniziativa della Regione.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Ferrari/


AstraZeneca, maxi bonus al Ceo Soriot: scoppia la polemica

Antitrust, sanzione di oltre 100 milioni a Google. E l’app JuicePass deve essere resa disponibile su Android Auto