Al via dal 1 luglio il bonus sociale per le bollette di acqua luce e gas: come funziona, chi ne ha diritto e come richiederlo.

Dal 1 luglio parte il bonus sociale per le bollette di acqua, luce e gas. Si tratta sostanzialmente di uno sconto in bolletta per le persone e le famiglie meno abbienti.

Chi ha diritto allo sconto sulle bollette: i requisiti

Hanno diritto allo sconto sulle bollette di acqua, luce e gas le famiglie con Isee fino a 8.265 euro. Nel caso di nuclei familiari con almeno 4 figli a carico, il tetto dell’Isee sale a quota 20.000 euro.

Hanno diritto al bonus sociale sulle bollette anche le persone che percepiscono il reddito di cittadinanza o la pensione di cittadinanza.

Il requisito, oltre a quello legato all’Isee, è quello di avere attiva una fornitura di elettricità, acqua o gas per uso domestico. Vale anche, per quanto riguarda gas e acqua, la fornitura centralizzata.

Come richiedere il bonus

La buona notizia è che la pratica è semplice. Il bonus sociale scatta in automatico, senza richiesta. L’unico passaggio da fare è la compilazione della Dichiarazione sostitutiva unica. Il bonus ha una durata di dodici mesi, quindi annuale.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Soldi euro
Soldi euro

Bonus sociale bollette, come funziona

Va detto che anche il funzionamento del meccanismo è facile e immediato. Gli aventi diritto troveranno il bonus applicato direttamente sulla bolletta. In caso di fornitura centralizzata, gli aventi diritto si vedranno riconoscere l’importo del bonus in un’unica soluzione. Il pagamento avviene con assegno circolare intestato (per quanto riguarda il bonus idrico) o con bonifico domiciliato (per il bonus gas).


Assegno unico 2021, al via le domande. A chi spetta e come richiederlo

Bollette, nel terzo trimestre +9,9 per cento per la luce e +15,3 per cento per il gas